I tre fotogrammi del fine settimana gialloblù

Nel fine settimana che segna l’ennesimo ritorno del Verona in Serie B, non resta che il rammarico per una stagione che sarebbe potuta essere ed invece non è stata.

Il primo fotogramma è dedicato alla Serie A: dall’inno di Giovanni Allevi alla Var, passando per le tv, i giocatori milionari, le partite contro le strisciate, i media, gli sponsor. La Serie A è un altro mondo rispetto a quello che c’è sotto che, per una gestione più oculata dei regolamenti, è anche un mondo più equilibrato, più sensato e molto più difficile da affrontare. Per assurdo che possa sembrare era più facile salvarsi in questa mediocre massima serie che salire di categoria in B o in C. Al Verona toccherá quindi un altro campionato complicato.

Secondo fotogramma dedicato ai giovani che hanno giocato contro il Milan: Bearzotti, Fares, Danzi, Lee, con addirittura il primo gol stagionale dell’ex Barcellona. Sono tutti ragazzi di proprietà. Importante ripartire da loro, se messi in campo nel loro ruolo naturale e se affiancati da adulti di valore.

Infine dedichiamo l’ultimo fotogramma a Heurtaux. Aspettiamo il tweet della moglie che ci svelerá i perchè del castigo da gennaio ad oggi. Nel frattempo nonostante il ritorno in campo a San Siro, non potrà raggiungere il premio concordato con la societá al raggiungimento delle 20 presenze in campionato. Motivo economico, rifiuto del trasferimento al Rennes, scelta societaria? Non sappiamo i motivi veri di questa lunga esclusione, ma l’Heurtaux visto in campo basta e avanza per capire la scelta tecnica di Pecchia e del Verona.

Damiano Conati

LASCIA UN COMMENTO

*