Pillole di mercato: le società amiche imperversano

Le solite voci che collegano Verona, Bologna, Sampdoria, Udinese, Cagliari, Spal ormai hanno stancato. Quando si vuole parlare di mercato, tutti cercano di abbinare tra loro queste società, perchè sanno che raramente si sbaglia. Attenzione, si parla di amicizia e collaborazioni solo in sede di calciomercato, non per altri chissà quali intrecci. Un giocatore che qui non rende, viene spedito a Bologna e viceversa. Se non rende ancora, ecco la Spal o altra società amica. E così via, per creare plusvalenze, per far aumentare il valore di mercato di un calciatore, per non avere un tesserato scontento e in contemporanea accontentare i tifosi.

Non è un procedimento sbagliato, ma tutto deve esser fatto a tempo debito. Al 10 maggio, Romulo non può già essere della Samp, come Fares e Vukovic giá promessi sposi del Bologna.

Il mercato aprirà i battenti a luglio, ci saranno giorni torridi di trattative e si cercherà di piazzare colpi qua e là. Poi, se ci sarà la possibilità e le necessità ci saranno i movimenti tra le società amiche, ma oggi è davvero presto per parlare di mercato tra loro.

D.C.

LASCIA UN COMMENTO

*