Calo Abbonati: segnale da non sottovalutare

Prima l’aumento del costo degli abbonamenti, poi le maglie fluo. Scelte che hanno marcato l’insoddisfazione di alcuni tifosi che hanno reagito nell’unico modo che conoscono: disaffezionandosi. Il Verona è proprietà di Setti ma patrimonio di un’intera città. Difficoltà economiche e colori sociali annacquati dalla maglia fluo evidentemente hanno inciso. L’analisi non è strampalata. Da qualche anno la polemica su simboli e colori con il Chievo è un fiume in piena e ha insegnato che il tifoso dell’Hellas tiene parecchio alla propria identità. Negli anni bui, dall’inferno della Lega Pro al purgatorio della B, i supporters scaligeri si sono stretti attorno al club e hanno dato prova di grande attaccamento. Passava in secondo piano tutto, perfino la questione della categoria. L’entusiasmo della gente cresceva costantemente e si respirava aria frizzantina nonostante la depressione sportiva. Con effetto contrario invece in serie A si è passati dai 16.129 abbonati della prima stagione ai 14.107 del secondo anno, fino ai 13.207 di oggi. Il dato deve far riflettere. Snobbarlo sarebbe nocivo. Nell’Era della pay TV le Società calcistiche devono preoccuparsi di scaldare il cuore della gente. Coinvolgere i tifosi tanto quanto fossero risorse umane di un’azienda. Sono il carburante che muove la passione e sviluppa quel fuoco sacro che mette i brividi quando allo stadio vengono intonati i cori. Non sviliamo tutto questo. Sbaglierebbe chi, con un pizzico di presunzione, etichettasse il tifoso scaligero come provinciale e poco incline alla crescita del “brand”. Non me ne voglia il Presidente Setti o il Direttore Generale Gardini ma aumentare i prezzi e proporre la maglia fluo sono state scelte sbagliate. Il tifoso è merce rara. Va coccolato e protetto. Piccoli sacrifici monetari e salvaguardia di simboli e colori sono sufficienti. La storia recente dell’Hellas lo insegna.

Michele Coratto

CONDIVIDI
Michele Coratto
Michele Coratto si diploma al Liceo Classico “Scipione Maffei” e si laurea in Scienze della Comunicazione a Verona. Giornalista dal 2011, collabora con la Redazione Sportiva de L'Arena ed è Direttore Responsabile di Hellas News.

LASCIA UN COMMENTO

*