Caos Cassano: ora si torni alla normalità, per il bene dell’Hellas

Passata la tempesta, si torni alla normalità. 

Dopo la bufera causata dalle bizze del signor Cassano, il Verona non deve assolutamente correre il rischio di pensarci su troppo. 

Fantantonio, alla luce dei fatti, non sarebbe stato un valore aggiunto per l’Hellas della triade Setti-Fusco-Pecchia, che ha sempre avuto il concetto di equilibrio come punto fermo.

Inserire un giocatore con certe caratteristiche in uno schema così ben definito e rodato rappresentava un rischio altissimo e per fortuna il patatrac é succeso a fine luglio e non più avanti, quando le conseguenze potevano essere ben peggiori.

Ora è necessario tornare alla normalità, focalizzarsi sulla preparazione per il debutto stagionale e non perdere la concertazione. In questa direzione vertono le dichiarazioni rilasciate a caldo dal presidente Setti nella giornata di ieri  – “A Verona il gruppo viene prima dei singoli” – e così deve essere.

Troppo importante per l’Hellas non smarrire la quadratura che ha permesso alla squadra gialloblù di centrare subito il ritorno in serie A e che ora è fondamentale per riconfermarsi nella massima serie.

Cassano é stato un flash, e più non deve essere. Qualcosa che poteva essere e non è stato. Un’incompiuta sia sportiva, sia umana, che non deve portare conseguenze negative all’Hellas.

Come si suol dire, non tutto il male vien per nuocere. Ora si torni a correre. E non ci si guardi indietro.

CONDIVIDI
Federico Messini
Federico Messini nasce a Villafranca di Verona il 15/05/1990. Studente in lettere moderne presso l'Università degli studi di Trento. Scrittore e cantautore ha all'attivo due pubblicazioni : "Il gioco degli spiccioli" uscito nel 2013 e "Il doppiatore" uscito nel 2016.

LASCIA UN COMMENTO

*