Del Neri: “Noi ora arbitri del futuro altrui”

Le dichiarazioni di Luigi Del Neri in conferenza stampa:

“Dobbiamo fare il nostro dovere come abbiamo fatto contro il Milan, non andiamo a Sassuolo come vittime sacrificali. Nel corso del campionato abbiamo fatto prestazioni importanti che non sono state ripagate come con Empoli e Palermo e poi abbiamo pagato il fatto di dover sempre rincorrere. Siligardi ha indubbie qualità e ha dimostrato di poter valere la serie A, la B la conosce sicuramente meglio e ha giocato in ambienti dove la pressione per i risultati era forte. Pazzini non sarà eventualmente l’unico fautore della risalita se rimanesse, per tornare in A serve l’unione di tutti i componenti. È ancora presto per parlare del mio futuro. Romulo si sta riprendendo bene e troverà sicuramente spazio nelle prossime partite, sia dal primo minuto sia a partita in corsa, deve ritrovare i 90 minuti, sarà più pronto per la juve che per Sassuolo. Albertazzi pienamente recuperato e giocherà. Toni è a disposizione, ma non voglio modificare l’assetto da trasferta finora tenuto. Fares, Helander, Suprayen,Pazzini sono out. Dobbiamo giocare al massimo con ogni squadra e abbiamo il dovere di mettere in campo la formazione piu competitiva per fare punti. Cerchiamo ancora di vincere le partite per un concetto di lealtà nei confronti dei tifosi. Dobbiamo avere grande rispetto per l’amore di Verona verso l’Hellas. Essere costretti a vincere condiziona, le squadre piccole non hanno il dovere di giocare per vincere e sono più tranquille psicologicamente (Carpi, Crotone). La Serie B è difficile, nel giro di tre partite puoi essere terzo o trovarti quartultimo. Le squadre con meno pressioni sono favorite, le squadre che progettano una promozione diretta e dovuta fanno piu fatica a livello psicologico. Gollini e Helander hanno le caratteristiche sia per giocare in un grande club sia per ripartire dalla B. Gollini non ha ancora fatto niente, ha cominciato il suo percorso di maturazione, deve rimanere equilibrato e mantenere la serenità per fare bene, ha sicuramente le qualità per diventare un portiere importante. Non dobbiamo ostacolare la carriera di nessuno, se partono dei giocatori bisognerà trovare alternative vincenti per la B. Grande amarezza dopo il Milan perchè è arrivata la matematica retrocessione, vittoria che non mi ha lasciato felicità, è stata una vittoria amara. Unica partita meno interessante per la classifica è quella con la juve, nelle altre il verona sarà arbitro del futuro altrui”.

F.Mess.

LASCIA UN COMMENTO

*