..e io paaago!

di Massimo Recchia 

Quattro milioni di euro, otto miliardi delle vecchie lire italiane, cinquecentottomilioni di yen giapponesi, trecentoquarantamilioni di rubli russi e via così per comperare il più costoso gioiello calcistico strisciato gialloblù. 

Una valanga di denaro che versato in monetine da cinque, due od un centesimo avrebbe voluto la stiva della Concordia ancora a galla per contenerle. Nell’economia moderna di un team l’erogazione danarosa dovrebbe sempre essere conforto di almeno plusvalenza futura e mai minusvalenza. Chi dilapiderebbe il proprio gruzzolo tanto difficilmente racimolato in anni di sacrifici per investire in bond del Mozambico? Chi consegnerebbe le chiavi della cassaforte alla portineria del campo nomadi? Solo sfortuna o mancanza di diploma di maturità? 

..ah già.. siamo a carnevale ed ogni scherzo vale!

LASCIA UN COMMENTO

*