Ecco che fine faranno i giovani Primavera gialloblù 

Damiano Conati

Nella stagione appena conclusa, l’allenatore Pavanel ha compiuto un miracolo sportivo, sfiorando i play off con molti giovanissimi classe 1998/99, quando il campionato Primavera era aperto ai 1997 e ai fuori quota del 1996.

Mentre i più giovani avranno la quasi certezza di restare in gialloblù per completare il loro biennio sportivo, i classe ’96 sono ad un bivio: restare in prima squadra o partire in prestito per maturare?

Andiamo a conoscere questi giocatori. Tra i portieri, Alessandro Salvetti (97) verrà ceduto, mentre il veronese Enrico Vencato (98), resterà un’altra stagione in Primavera.  

In difesa da valutare l’ottimo centrale, Davide Riccardi (96), che finirà in prestito in Lega Pro; poi c’è Francesco Contri (97) che ha dimostrato di saperci fare e potrebbe restare come fuori quota. Matteo Miron (97) verrà invece ceduto, mentre Niccolò Casale (98), diventerà il nuovo baluardo arretrato, dando continuità all’ottimo percorso di crescita. 

Sulle corsie laterali troviamo i due confermatissimi classe ’98 Edoardo Pavan e Andrea Badan, mentre verranno ceduti i ’97 Matteo Gilli e Davide Grossi. Verra’ invece svincolato il 1996, Matteo Franchetti, che già quest’anno ha dato pochissimo. Verranno infine promossi i giovanissimi Kumbulla (2000) e Dall’Agnola (99).

Anche il reparto di metà campo è molto giovane e vedrà molte conferme. Il talento più importante è sicuramente Luca Checchin (97) che sarà aggregato alla prima squadra. Anche l’italo-tedesco Nicola Guglielmelli (97), piedi buoni e tanto agonismo, ha dimostrato di meritare una chance e potrebbe restare come fuori quota oppure finirà in prestito in Lega Pro. Confermati i vari classe ’98 Filippo Pellacani, Matteo Pinton e l’albanese Marco Hoxha. Mentre ci sarà da capire se la società vorrà riscattare Stefanec (98), arrivato in prestito a gennaio e già nel giro delle nazionali giovanili slovacche. Tanta curiosità per vedere il continuo processo di crescita di Andrea Danzi (99), il più piccolo del gruppo, e un grosso in bocca al lupo ad Alessandro Speri (96), ultimo capitano della Primavera gialloblù, che lascerà Verona dopo 10 anni e dopo aver fatto parte di tutta la trafila del settore giovanile. Andrà a “farsi le ossa” nelle serie minori, magari per tornare a Verona da protagonista. C’è poi Salifù (96), che già in questa stagione ha fallito nel calcio dei grandi (tra Latina e Pro Patria), ma la società potrebbe dargli una terza possibilità e infine Momo Fares (96), che sarà titolare nella squadra di Pecchia in Serie B. 

Concludiamo con il reparto offensivo. Hanno fatto molto bene i due esterni d’attacco classe 1997, Salvatore Lancia e Alberto Tronco. Uno dei due resterà come fuori quota, l’altro finirà in prestito in Lega Pro. Rimarrà lo slovacco Lubomir Tupta (98) per il quale verrà esercitato il diritto di riscatto dal Catania. Rimarrà pure il velocissimo ghanese tascabile Carlos Buxton (98), mentre partirà il lungo centravanti Niccolò Dagnoni (97). Infine entrerà in pianta stabile nel gruppo della Primavera l’algerino Belkheir (99), quest’anno già aggregato alcune volte con il gruppo di Pavanel. 

Se sarà confermato l’allenatore dei miracoli alla guida tecnica, potrebbe davvero essere l’anno del definitivo salto di qualità di un settore giovanile che negli ultimi anni ha dato parecchie soddisfazioni.

LASCIA UN COMMENTO

*