Era Toni o Elkjaer?

La seconda marcatura di Toni come il gol senza scarpa di Elkjaer contro la Juve? A ben guardare i gol si assomigliano molto, con l’unica differenza (e non è un dettaglio da poco, siamo tutti d’accordo), che il danese depositò la sfera in rete dopo aver perso lo scarpino. Ma analizziamo le due azioni: il 14 ottobre del 1984 Elkjaer, su rinvio da fallo di fondo, conquista palla sulla trequarti di sinistra e trafigge Tacconi dopo aver superato in velocità Pioli e Favero con un dribbling. Gol da cineteca impreziosito, come ricordano gli annali, dalla perdita della scarpa. 26 Aprile 2015, il pallone arriva a Toni nello stesso modo, su rinvio del portiere Benussi: il centravanti gialloblù, servito nella medesima porzione di campo, la trequarti di sinistra, scappa sulla fascia e dribbla come fossero birilli Biondini e Brighi prima di fare secco Consigli. Fotogrammi sovrapponibili, emozioni intense e uniche. Grazie Luca, Campione senza età. Sei una Leggenda e resterai per sempre nella storia dell’Hellas.

Michele Coratto

CONDIVIDI
Damiano Conati
Ho 34 anni, sono sposato da 10 e ho tre bellissimi bambini. Laureato in Scienze della comunicazione, sono iscritto all'Ordine dei Giornalisti dal 2005. Giá collaboratore di molte testate locali, presidente di una società di basket, ho vissuto tre anni in missione in Brasile e attualmente lavoro come operatore sociale in Caritas Verona.

LASCIA UN COMMENTO

*