Esclusiva – Ecco cosa dicono di Serginho in Brasile

Serginho del Santos nelle ultime ore è stato accostato al Verona dell’esperto di mercato Gianluca Di Marzio. 

Per scoprire se c’è veramente una trattativa e capire chi è veramente questo esterno d’attacco, abbiamo intervistato in esclusiva Pedro Gomes Viana, allenatore di calcio brasiliano di São Luis, città del nord-est del Brasile, già collaboratore della società Sampaio Correa ed esperto del mercato carioca. 

Queste le parole di Viana:

“Serginho in Italia? Onestamente in Brasile la notizia sembra quantomeno strana e l’unico a metterla in circolazione è stato un giornalista italiano”.

Quindi non c’è niente di vero?

“Nel mercato tutto è possibile però il ragazzo è appena rientrato al Santos da un altro prestito, al Santo André, dove ha disputato da titolare il campionato statale Paulista. L’allenatore del Santos, Levir Culpi, avrebbe potuto lasciarlo fuori rosa in attesa di una nuova sistemazione, invece l’ha appena reintegrato in squadra e il 12 luglio scorso l’ha persino fatto debuttare nel massimo campionato brasiliano contro l’Atletico MG”.

Si parla di Verona e Bologna interessate a lui…

“Ho sentito. Qui sono già uscite anche le cifre della presunta trattativa: prestito gratuito di un anno e riscatto fissato a 3,5 milioni di euro. Però, ripeto, noi l’abbiamo appreso dall’Italia e il presidente del Santos, Modesto Roma, proprio ieri in conferenza stampa ha annunciato di non aver ricevuto nessuna offerta per suoi tesserati negli ultimi giorni”.

Lei conosce Serginho. Che tipo di giocatore è?

“Ha 22 anni ed è un esterno d’attacco mancino. Assomiglia al vostro Cerci e ama partire da destra per accentrarsi e calciare a rete. Finora in Brasile ha dimostrato poco, ma un paio di anni fa era un giovane davvero promettente. Noi lo stiamo aspettando. Potrebbe diventare forte, perché i numeri li avrebbe, ma al momento resta una scommessa”.

E se arrivasse all’Hellas?

“Con il prestito gratuito e senza obbligo di riscatto il Verona potrebbe fare un affare. Perché se saprà crescere e maturare, può diventare un ottimo giocatore. Ma se non andrà bene, il Verona può rimandarlo in Brasile come successo per Winck”.

D. Conati

CONDIVIDI
Federico Messini
Federico Messini nasce a Villafranca di Verona il 15/05/1990. Studente in lettere moderne presso l'Università degli studi di Trento. Scrittore e cantautore ha all'attivo due pubblicazioni : "Il gioco degli spiccioli" uscito nel 2013 e "Il doppiatore" uscito nel 2016.

LASCIA UN COMMENTO

*