Ferrari e Kean: cosa cambia con i loro recuperi

Il rientro di Alex Ferrari è fondamentale per il livello tecnico della retroguardia gialloblù.

Ferrari può ricoprire il ruolo di terzino destro, per lasciare Caceres al centro, oppure può giocare direttamente in mezzo in accoppiata con uno tra Caracciolo ed Heurtaux.

In assoluto l’ex Bologna è il miglior interprete del ruolo di centrale della rosa gialloblú e il suo recupero toglierá lentamente la maglia da titolare ad uno dei difensori che hanno giocato finora. Al momento il favorito a lasciargli posto è proprio il francese Heurtaux.

Da gennaio, quando Caceres andrà alla Lazio, Fusco potrà scegliere se rimpiazzarlo con un terzino destro per sostituire direttamente l’uruguaiano, oppure con un centrale dirottando proprio Ferrari a destra. Il favorito al momento sembra essere Tonelli, ai margini della rosa del Napoli.

Il rientro di Moise Kean invece permette a Pecchia di continuare a lavorare sulla sua nuova idea tattica avendo però a disposizione un attaccante vero e non più dovendo riciclare Cerci o Fares in quel ruolo.

È ormai chiaro che comunque nelle gerarchie gialloblù, grazie anche al nuovo modo di giocare dell’allenatore, Pazzini non parte più titolare inamovibile e quindi la presenza di un Kean in forma è sicuramente un valore aggiunto per il Verona.

Sia Kean che Ferrari contro il Genoa probabilmente partiranno dalla panchina, ma saranno sicuramente impiegati a gara in corso soprattutto per dar loro minuti partita e iniziare a reinserirli nel gruppo, visto che entrambi possono essere considerati dei titolari.

D. Conati

CONDIVIDI
Federico Messini
Federico Messini nasce a Villafranca di Verona il 15/05/1990. Studente in lettere moderne presso l'Università degli studi di Trento. Scrittore e cantautore ha all'attivo due pubblicazioni : "Il gioco degli spiccioli" uscito nel 2013 e "Il doppiatore" uscito nel 2016.

LASCIA UN COMMENTO

*