Hellas modello Atalanta

Damiano Conati

Era partita con il piede sbagliato la stagione dell’Atalanta. Poi Gasperini ha deciso di mettere in panchina alcuni veterani e dare spazio ai giovani e tutti abbiamo visto cos’è accaduto. Se i giovani sono di qualità, rimpolpi il portafoglio e punti addirittura all’Europa. 

Pecchia in uno dei momenti più delicati della stagione, contro una signora squadra che probabilmente arriverà fino in fondo, ha mandato in campo dal primo minuto un 94, due 95 e un 96, inserendone un altro a partita in corso. 

Cinque giovani, tre dei quali (Zaccagni, Fares e Cappelluzzo) provenienti dal settore giovanile gialloblù. Ragazzi che hanno azzerato le gerarchie e che hanno dimostrato grande affidabilità.

Zaccagni è stato uno dei migliori in campo, la coppia FaresCappelluzzo è quella che ha creato l’azione più pericolosa dell’Hellas, Ferrari ha dimostrato di meritare una maglia da titolare e Boldor non ha fatto rimpiangere il titolare Bianchetti (impresa semplice in realtà) e ancora una volta con lui in campo il Verona non ha subito gol (impresa ben più difficile).

Largo ai giovani quindi. Se è questo che chiedono i regolamenti e la società. Purché siano costanti e facciano davvero fare il salto di qualità visto a Bergamo.

LASCIA UN COMMENTO

*