I 3 fotogrammi del fine settimana gialloblù

Nel Sabato Santo in cui risorge il Chievo, con Spal e Sassuolo che mettono un altro mattoncino insperato verso la salvezza, il Verona si ritrova con l’ennesimo pugno di mosche in mano, ma con la consapevolezza che nulla ancora è perduto. C’è chi non se la passa meglio, Benevento e Cagliari su tutte. E destino vuole che siano le prossime avversarie dei gialloblù. In questa situazione, diventa più che mai fondamentale il pieno recupero di Alessio Cerci. A lui, rientrante dopo 3 mesi e mezzo, dedichiamo il primo fotogramma di questo fine settimana pasquale. Con o senza di lui non è di certo la stessa cosa.

Il secondo spetta invece alle dichiarazioni pre-partita di Inter-Verona. “Sarà una lotta”, “Dobbiamo segnare noi nei primi minuti” e così via. Tutti hanno visto cosa è accaduto. La speranza è davvero quella che la testa fosse già a Benevento.

Già, la testa. Quella che il gruppo di Pecchia a volte lascia chissà dove. Terzo e ultimo fotogramma è per chi dovrebbe allenarla questa testa e dovrebbe riuscire a mandare in campo una squadra sempre carica e pronta a dare tutto per la maglia del Verona. Soprattutto se devi salvarti. Il primo tempo visto con l’Inter è di una squadra rassegnata, non concentrata e senza grinta. E qui molte colpe sono dell’allenatore.

D.C.

LASCIA UN COMMENTO

*