Il baratro senza fine è figlio di pasticci societari

di Michele Coratto

Allunghiamo la striscia negativa senza vittorie. I tre punti si fanno attendere da maggio 2015 ed inanelliamo l’ennesima gara fallimentare contro una diretta concorrente. Il peggior Verona di sempre, domenica dopo domenica riscrive il proprio record avverso in Serie A. E non è ancora finita, altro che “ci crediamo fino alla fine” – ipse dixit Maurizio Setti. A testimoniarlo è la gestione del parco calciatori. Oggi il Verona ha giocato senza un portiere. Coppola è apparso lento, impacciato nei rinvii e poco reattivo. Con Rafael ai margini del progetto, come mai alla riapertura del mercato non si è prelevato un sostituto all’altezza? La stagione è davvero comica perchè piena di pasticci societari. Che partono dall’estate: l’allora neo direttore sportivo Bigon si fregiò dell’acquisto più oneroso dell’Era Setti, Viviani, arrivato già con problemi alla caviglia e forse con la pubalgia. Seguirono quindi le parole del medesimo dirigente ex napoletano che disse di aver allestito una squadra “clamorosamente adeguata per l’obiettivo della salvezza”. Ma non fu tutto. Grottesca è stata l’operazione Matuzalem: a settembre tesserato da svincolato, da qualche settimana lasciato libero e forse, ora, dopo l’operazione chirurgica di Viviani, già rimpianto. Ad onor del vero però l’esimio Bigon non è l’unico colpevole: l’agonia di gioco e gli equivoci tattici del girone d’andata inchiodano anche l’ex allenatore Mandorlini: pur rimanendo eternamente grato per quello che il Mister ha fatto a Verona, sono altrettanto conscio che se veramente gli fossero stati a cuore i colori gialloblù, sarebbe dovuto andarsene prima che la situazione precipitasse a questo modo. La deriva ci accoglie. Checche’ ne dica il Presidente o non dica il Direttore Generale. Già, il Direttore Generale. Qualcuno l’ha visto in giro? Oggi intanto nei sottopassi del Bentegodi è stato avvistato Sogliano, l’ultimo diesse capace di costruire un Hellas che sia riuscito a conquistare la salvezza sportiva mantenendo inalterati i ricavi provenienti da Sky. Presidente…siamo proprio sicuri che Sean le facesse spendere troppi denari?

CONDIVIDI
Michele Coratto
Michele Coratto si diploma al Liceo Classico “Scipione Maffei” e si laurea in Scienze della Comunicazione a Verona. Giornalista dal 2011, collabora con la Redazione Sportiva de L'Arena ed è Direttore Responsabile di Hellas News.

1 COMMENTO

  1. Amico mio carissimo!
    Ci siamo per caso parlati di recente?
    Era un po’ che nn ti sentivo, che piacere!
    Grazie della segnalazione! Era ovviamente un refuso (ma tanto non ci crederai)….

LASCIA UN COMMENTO

*