Tachtsidis, il nuovo tesoretto dell’Hellas

Stavolta potrebbero essere state le indicazioni di mister Mandorlini a produrre plusvalenze nelle casse gialloblù. Il riferimento è a Tachtsidis, voluto dal mister scaligero e straordinario protagonista dell’inizio di campionato dell’Hellas. L’ellenico è arrivato a Verona in prestito con diritto di riscatto fissato a 1,8 milioni: una cifra bassa considerato l’inizio promettente dell’oplita di Larissa. Un investimento che il club di via Belgio non avrà certamente alcun problema ad impegnare. Rilevare il cartellino del bravo Panagiotis, rinato sotto l’encomiabile direzione tecnica del suo mentore ravennate, sarà una nuova, incredibile, operazione di mercato. Il gladiatore della mediana gialloblù rischia di diventare davvero il nuovo crack scaligero: ruba palloni, contrasta ed imposta con qualità decisive per l’economia di gioco di squadra. E, anche se non abbiamo la sfera di cristallo, non è difficile pensare ad un assalto dei grandi club per assicurarselo. Sarà dura per il Presidente Setti resistere alla tentazione di cederlo. Sarà dura anche per “Taxi” tapparsi le orecchie senza dare ascolto alle sirene del calciomercato, già pronte a cantare nella sua direzione. Intanto godiamocelo e pensiamo che tra meno di una stagione non sarà più solo in prestito.

Michele Coratto

CONDIVIDI
Michele Coratto
Michele Coratto si diploma al Liceo Classico “Scipione Maffei” e si laurea in Scienze della Comunicazione a Verona. Giornalista dal 2011, collabora con la Redazione Sportiva de L'Arena ed è Direttore Responsabile di Hellas News.

LASCIA UN COMMENTO

*