Jacobelli: Verona, squalifica sospesa. Cominciamo a ragionare

La Corte sportiva d’appello nazionale della Figc ha sospeso le sanzioni inflitte al Verona dal giudice sportivo per i presunti e mai intonati cori razzisti contro il milanista Muntari – una multa di 50mila euro e una giornata di chiusura della Curva Sud – incaricando la Procura Federale di disporre un supplemento di indagini “in ordine alla dimensione ed effettiva percepibilita’ dei presunti cori contestati”. Contro la decisione del giudice sportivo sui fatti di Verona-Milan di domenica scorsa aveva fatto ricorso il club scaligero.

———
(x.j.). La decisione della Corte sportiva d’appello nazionale della Figc è soltanto un primo atto di buon senso. Il secondo deve essere la revoca di una sanzione che non sta né in cielo né in terra, per la semplice ragione che i cori uditi dagli emissari della Procura Federale li hanno sentiti solo loro, non essendo stati intonati, come dimostrano le immagini televisive. Lo stesso Milan, che in materia di lotta al razzismo fa da battistrada avendo sperimentato sulla pelle di alcuni suoi giocatori che cosa sia l’inciviltà, ha difeso il Verona: “Mai sentiti cori razzisti”. Ora aspettiamo che il supplemento d’indagine chiuda questa storia, l’ultimo autogol di una giustizia sportiva che non funziona.

Fonte: calciomercato.com

LASCIA UN COMMENTO

*