Juric: “Siamo soddisfatti, volevamo fortemente i 3 punti e li abbiamo ottenuti. I ragazzi oggi si sono spinti oltre il limite”

Queste le principali dichiarazioni dell’allenatore gialloblù, Ivan Juric, rilasciate al termine di Hellas Verona-Brescia:

La vittoria? Siamo soddisfatti, li volevamo fortemente e li abbiamo ottenuti. Per noi è stata anche una partita critica: Gunter stava male (influenza, ndr) e anche Amrabat che era in camera con lui, mentre Veloso aveva alcuni problemi fisici. Su tutto è stato ottimo il secondo tempo.

Cosa ha fatto la differenza? I ragazzi oggi si sono spinti oltre il limite, con tantissime ripartenza di sessanta metri di scatti: sono stati splendidi. Ci tenevamo tantissimo a chiudere così questo ciclo di tre partite.

La catena di sinistra? Lì sembrava avessimo più giocatori, abbiamo creato maggiore densità per poi andare a concludere sull’altro lato. Sia Zaccagni che Verre ma anche Lazovic hanno fatto benissimo. 

Il Verona a 15 punti? Stiamo lavorando bene, è stata una vittoria che ha premiato il gruppo. I ragazzi stanno, pian piano, raccogliendo i loro frutti, grazie al duro lavoro settimanale. 

Salcedo? È un grande talento, sta facendo vedere il suo carattere e la sua forte determinazione.

Kumbulla? Aveva avuto già qualche problema alla schiena quando era andato in Nazionale, in questi casi dobbiamo fare meglio noi nella cura dei giocatori. Credo comunque si tratti di un infortunio muscolare.

Di Carmine? È una scelta non tecnica ma di principio, penso che rifletterà. 

La reazione di Balotelli? Non ho paura di dirlo: oggi non c’è stato niente. Tantissimi fischi e sfottò nei confronti di un grandissimo giocatore, ma non c’è stato altro. Anche io ho preso tanti insulti negli anni, so cosa significa, ma oggi non c’è stato nulla. Sul perché della reazione dovete chiedere a lui. Quando ci saranno cori razzisti non avrò nessun problema a dirlo perché mi fanno schifo anche se provengono dai miei tifosi, ma oggi non ne ho sentito neanche uno. Non creiamo un caso dove non c’è, sarebbe una bugia!” Fonte: hellasverona.it

Stefano Pozza
Dopo il diploma di maturità classica, mi sono laureato in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Padova. Dal marzo 2012 sono iscritto all'Ordine dei Giornalisti, elenco pubblicisti. Nella vita di tutti i giorni lavoro come Buyer, e coltivo due grandi passioni: la politica e il giornalismo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*