La Lega B dona 80.000€ alla Città di Genova

Il presidente della Lega B, Mauro Balata, ha consegnato questa mattina al presidente della Regione Liguria e commissario all’emergenza di Ponte Morandi, Giovanni Toti, e al consigliere delegato allo Sport del Comune di Genova, Stefano Anzalone, che ha rappresentato il sindaco e commissario alla ricostruzione, Marco Bucci, un assegno da 80mila euro, cifra raccolta dalla Lega B e dalle società associate che verrà impiegata per il rifacimento del manto erboso dei campi del centro Polisportivo San Biagio in Valpolcevera (via Romairone 38r). Il Comune di Genova ha individuato questa finalità per migliorare attraverso lo sport la qualità della vita e la socialità di un quartiere particolarmente colpito dal crollo.

Dal momento del disastro del ponte Morandi, il presidente della Lega B Mauro Balata e i 19 club associati hanno pensato a come sostenere la città e le persone colpite dal crollo, un fatto drammatico che ha coinvolto non solo una città o una regione ma un’intera nazione. Per questo la Lega B ha promosso, con le proprie associate, l’Ascoli con il presidente Giuliano Tosti, il Benevento con l’amministratore unico Oreste Vigorito, il Brescia con il presidente Massimo Cellino, il Carpi con l’Amministratore delegato Stefano Bonacini, il Cittadella con il presidente Andrea Gabrielli, il Cosenza con il presidente Eugenio Guarascio, la Cremonese con il presidente Paolo Rossi, il Crotone con il presidente Giovanni Vrenna, il Foggia con il presidente Adolfo Lucio Fares, l’Hellas Verona con l’amministratore unico Maurizio Setti, il Lecce con il presidente Saverio Sticchi Damiani, il Livorno con il presidente Aldo Spinelli, il Padova con il presidente Roberto Bonetto, il Palermo con il presidente Rino Foschi, il Perugia con l’amministratore unico Massimiliano Santopadre, il Pescara con il presidente Daniele Sebastiani, la Salernitana con il presidente Marco Mezzaroma, lo Spezia con il vicepresidente Andrea Corradino e il Venezia con il presidente Joseph Tacopina, una raccolta fondi dopo il disastro del viadotto sul Polcevera dello scorso 14 agosto.

In tutto questo la Lega B ha trovato una sponda operosa e una collaborazione fattiva nella Regione Liguria e nel Comune di Genova che fin dall’inizio hanno guidato l’associazione calcistica guidata da Mauro Balata nel concretizzare e nel portare a termine questa iniziativa.

“Quella di Genova è stata una tragedia che ci ha sconvolto, come ha sconvolto tutti gli italiani – commenta Balata – Un dolore che ha dimostrato l’unità del Paese e che non poteva lasciare indifferente uno degli aspetti sociali che in un certo senso lo accomuna, il calcio. Abbiamo quindi fin da subito promosso una raccolta fondi con tutte le nostre associate per dimostrare la vicinanza ai familiari delle vittime, a chi ha dovuto abbandonare la propria casa e chi ne ha ricevuto, magari nella propria qualità della vita, un danno”.

“Ancora una volta – afferma il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti – il mondo dello sport si dimostra vicino alla nostra regione, a Genova e ai suoi cittadini colpiti dalla tragedia del ponte Morandi. Ringraziamo la Lega B per aver promosso questa raccolta fondi che andrà a sostegno di chi ha più patito per le conseguenze del crollo. Un gesto di solidarietà e affetto per una città e un’intera Regione che ogni giorno dimostrano la propria forza e il proprio coraggio”.

Fa da eco anche il sindaco della città ligure, Marco Bucci: “Un altro importante gesto di grande generosità in favore delle vittime del crollo di Ponte Morandi ci arriva nuovamente dal mondo del calcio. A nome della città di Genova, esprimo la più sincera gratitudine. È un bellissimo segnale: quando lo sport si unisce alla solidarietà il risultato è assicurato ed è il gol più bello emozionante e significativo”.

Nella foto, Ilaria Cavo, Assessore regionale ligure allo Sport, Giovanni Toti, Presidente di Regione Liguria, Mauro Balata, Presidente della Lega B, e Stefano Anzalone, Consigliere delegato allo Sport del Comune di Genova. Fonte: Lega B, foto Lega B

CONDIVIDI
Stefano Pozza
Dopo il diploma di maturità classica, mi sono laureato in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Padova. Dal marzo 2012 sono iscritto all'Ordine dei Giornalisti, elenco pubblicisti. Nella vita di tutti i giorni lavoro come Buyer, e coltivo due grandi passioni: la politica e il giornalismo.

LASCIA UN COMMENTO

*