L’analisi – Verona lento e poco aggresivo

di Damiano Conati

Il solito errore di Mandorlini con la difesa a 5. Il solito atteggiamento totalmente rinunciatario dopo l’1-0. La solita papera di Rafael. La solita partita di questa stagione con zero tiri in porta, zero! La solita delusione.

È un Verona poco aggressivo, lento e con un portiere che ora come ora non offre adeguate garanzie. La squadra abbassa spesso il baricentro in maniera paurosa. Su 7 gol fatti solo uno (Jankovic con la Roma) è arrivato da azione corale. Tutti gli altri su calcio piazzato. Colpe sicuramente le hanno tutti, dai dirigenti all’allenatore, senza dimenticare gli stessi giocatori.

Ma un aspetto preoccupa più di altri: le dichiarazioni post match di Bigon e Mandorlini. La situazione è grave e lo zero nella casella vittorie stagionali o nei tiri in porta nella sfida con l’Udinese dovrebbero bastare come campanello d’allarme. Invece niente: dalle loro dichiarazioni traspare calma e sembra non vogliano accorgersene.

La speranza del tifoso scaligero è che abbiano ragione a prescindere, altrimenti il rischio di aprire gli occhi troppo tardi potrebbe davvero nascondere scenari nefasti…

LASCIA UN COMMENTO

*