L’assedio non basta, le reti restano inviolate

La 5^ giornata del campionato di serie A vede scendere in campo nell’anticipo del turno infrasettimanale Hellas Verona contro l’Udinese.

Tribune del Bentegodi che paiono poco affollate a causa del traffico che caratterizza la città a quest’ora, e crediamo che molti tifosi entreranno con qualche minuto di ritardo.

Inizia la contesa e i locali mantengono il pallino del gioco cercando di incanalare dalla loro parte il match. Dopo solo 3 minuti Di Carmine resta a terra per un contatto nella metà campo Friulana. Per qualche minuto riceve le cure dei medici a bordo campo e con una vistosa fasciatura fa il suo rientro sul terreno di gioco. La partita risulta abbastanza bloccata nella zona centrale del campo, e a risentirne è lo spettacolo.

Di Carmine non riesce a stare in campo e al 28esimo viene sostituito da Stepinski. Due minuti più tardi contatto più che dubbio in area dell’Udinese, ma il direttore lascia correre. Il pubblico rumoreggia per continui contatti ai nostri non puniti dall’arbitro. Nel finale del primo tempo occasionissima per gli ospiti con Lasagna che manca fortunatamente un gol già fatto.

Iniziano i secondi 45 minuti sulla falsa riga dei primi con il Bentegodi che cerca di dare la carica alla squadra. Al minuto 15 Juric cerca di dare una scossa mandando in campo Verre al posto di Mattia Zaccagni.

C’è solo l’Hellas in campo e ora i nostri meriterebbero il pareggio. L’impressione è che Stepinski sia fuori dal gioco scaligero con i compagni che spesso e volentieri faticano a servirlo. La trama di gioco dei nostri è di pregevole fattura ma quasi mai si riesce ad andare al tiro, e se non tiri non segni.

Al 30esimo bellissima occasione per i nostri con Amrabat abile a saltare un avversario e a mettere un cross delizioso in area per Stepinski che colpisce di testa ma spedisce la palla sulla traversa. È un assedio e lo stadio urla: “avanti un gol, avanti un gol”.

5 minuti più tardi altra grandissima occasione con Verre che colpisce al volo un cross messo da Rrahmani ma niente, la palla esce di pochissimo. Se il primo tempo è stato in perfetto equilibrio, il secondo ha visto una sola squadra in campo! Ultimo cambio per Juric che sostituisce Lazovic mandando in campo Vitale.

Al termine dei 3 minuti di recupero si chiude la contesa: il Verona anche questa sera avrebbe meritato di più ma deve accontentarsi solo del pareggio.

FORMAZIONI UFFICIALI

HELLAS VERONA: Silvestri, Rrahmani, Dawidowicz, Gunter, Faraoni, Veloso, Amrabat, Lazovic (37 2t Vitale), Pessina, Zaccagni (15 2t Verre), Di Carmine (28 Stepinski). All.: Juric.

UDINESE: Musso, Samir, Ekong, Fofana, Jajalo, Sema (32 2t Opoku), Lasagna (19 2t Okaka), Larsen, Mandragora, Becao, Barak (25 2t Walace). All.: Tudor.

Arbitro: Daniele Chiffi (sez. AIA di Padova).

Assistenti: Alberto Tegoni (sez. AIA di Milano ) e Marco Bresmes (sez. AIA di Bergamo).

Stefano Pozza
Dopo il diploma di maturità classica, mi sono laureato in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Padova. Dal marzo 2012 sono iscritto all'Ordine dei Giornalisti, elenco pubblicisti. Nella vita di tutti i giorni lavoro come Buyer, e coltivo due grandi passioni: la politica e il giornalismo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*