Le Pagelle di Pisa vs H. VERONA

Gianni Tomelleri 

Nicolas 6: chiamato ad intervenire tre volte, due è puntuale e preciso, l’ultima si fa trovare a mezza strada tra la porta e l’attaccante inspiegabilmente. Per fortuna uno stremato Varela non inquadra la porta. Graziato

Bianchetti 6: da quarto difensivo di destra svolge il compito assegnato, senza infamia e senza lode. Di certo non ci si può aspettare un contributo d’impostazione. Disciplinato

Souprayen 5: prestazione sottotono per il fluidificante francese, meno dinamico e continuo di altre volte, si sente la sua mancanza nella fase offensiva. Spuntato

Cherubin 6: molto puntuale nelle chiusure e ben posizionato, deficitario in fase di impostazione; tuttavia con Caracciolo sembra dare una solidità ed una sicurezza maggiore al reparto arretrato. Solido

Caracciolo 6,5: ordinato e puntuale in chiusura, si assume la guida della difesa e chiude la partita con una sola sbavatura; il migliore del reparto per il contributo di costruzione del gioco. Ordinato

Romulo 6,5: ancora una volta cambia quattro o cinque posizioni nella stessa partita, senza risultare mai fuori posto. Corre dal primo all’ultimo minuto ostentando una condizione fisica strepitosa. Poco assistito dai compagni. Fuoriserie

Fossati 6: al solito prezioso nella fase difensiva, ma meno lucido di altre occasioni in impostazione. Cerca alcuni lanci che sembrano diventare quasi automatismi, ma il meccanismo Verona stasera è imbrigliato ed il centrocampo non brilla. Inaspettatamente ammonito.

Bessa 5,5: il giocatore più decisivo del campionato – assieme a Pazzini – fino a questo momento gioca una partita meno brillante del solito, sacrificato sull’altare degli esperimenti tattici di Pecchia. In quanto a posizioni cambiate è secondo solo al connazionale Romulo. Girovago

Pazzini 6,5: sente e cerca la porta in ogni occasione ed è l’unico a provare di suonare la sveglia nel Verona imbrigliato dal Pisa. Sfiora il gol in qualche occasione sfruttando, senza fortuna, le pochissime occasioni di libertà concesse dalla difesa avversaria. Condottiero

Siligardi 6: palla al piede non incide minimamente sulla partita, ma continua a muoversi e a proporsi, non disdegnando di svariare sul fronte offensivo. In crescita.

Fares 5: per un giovane rientrare dopo quasi due mesi non è facile ed il francoalgerino si fa sfuggire l’occasione. Disordinato ed impreciso. Rimandato (in panchina)

Zuculini 6: entra e prova ad imprimere dinamismo alla manovra, conclude più di ogni altro verso la porta pisana (due volte); con lui la squadra sale leggermente di ritmo, ma non è ancora sufficiente. Generoso.
Ganz s.v.: corre e prova a mettere pressione nei minuti a disposizioni, non riceve palloni giocabili.

Troianiello 5,5: si segnala solo per la palla persa che dà il là all’ultima occasione del Pisa. Distratto

Pecchia 5: questa volta le alchimie della formazione non confermano la proprietà commutativa del Verona. Si concede ancora il lusso di sperimentare formazione e schieramento, ma il roccioso Gattuso ha le meglio sulla sua fantasia. Aristocratico

LASCIA UN COMMENTO

*