Le Pagelle di Sampdoria-Verona – Toni senza limiti, Brivio pendolino

Gollini 6 – Non compie interventi strepitosi, ma appare sicuro tra i pali e nelle uscite. Bella parata plastica su Eto’o al 44’st: un giovane dalla tempra di un veterano.

Pisano 6 – Una partita senza infamia e senza lode. Se la cava relativamente bene da terzino, ma resiste anche quando deve fare il terzo in difesa con l’uscita di Sorensen.

Sorensen 6 – Soffre un po’ le scorribande di Correa ma alla fine riesce a contenere gli attaccanti doriani. Salva, abbastanza fortunosamente, la palla sulla linea nel primo tempo. Dal 10’st Martic 6 – Si sbatte lungo la fascia, anche se non compie giocate in grado di fare la differenza.

R.Marques 6 – Non compie errori perniciosi, ma non dà mai sicurezza al reparto arretrato. In occasione del gol di De Silvestri non si posiziona al meglio, anche se era praticamente solo contro due.

Rodriguez 5.5 – Soffre molto Okaka sulle palle aree: si fa sorprendere in situazioni di marcatura uomo contro uomo più volte. La retroguardia gialloblù risente un po’ le sue amnesie.

Brivio 6.5 – Bravo a fare entrambi le fasi. Dietro è una sicurezza, mentre davanti a volte fa male: al 18’st sfiora il gol grazie ad una discesa da “pendolino” degna del migliore Roberto Carlos. Viviano gli sbarra la strada con un intervento con le gambe.

Tachtsidis 6 – Appare un po’ indolente. Qualche volta ci si può accorgere come “passeggi” in mezzo al campo: risulta stucchevole. Però offre sempre qualche lancio lungo (estemporaneo) interessante.

Valoti 6 – Si vede che ha grande voglia: ci mette impeto ma è poco concreto. Comunque non sfigura: naturalmente ha bisogno di continuità per mostrare tutte le sue qualità. Dal 26’st Campanharo s.v

Greco 6 – Fa densità in mezzo al campo, cerca di far ripartire l’azione anche se spesso non è lucido. Un passo indietro rispetto alla gara contro il Sassuolo.

Lopez 6 – Va a sprazzi: compie qualche imprecisione ma offre sempre qualche guizzo interessante. È suo l’assist decisivo per Luca Toni. Dal 30’st Saviola s.v

Toni 7 – Cosa bisogna dire ancora? Segna sempre anche quando non offre prestazioni memorabili come a Marassi: 18 gol in campionato. Solamente Tevez lo precede nella classifica marcatori. Non ha più limiti.

Mandorlini 6 – Cambia modulo e l’interpretazione del match varia leggermente: non si è schiacciati troppo all’indietro. Il baricentro della squadra non è troppo basso. Un punto importante su un campo difficile: anche se si poteva sfruttare meglio la superiorità numerica per una buona mezz’ora. La sconfitta del Cagliari al Bentegodi contro il Chievo porta la salvezza matematica. Obiettivo stagionale raggiunto.

A cura di Luca Valentinotti – Twitter @LucValentinotti

 

LASCIA UN COMMENTO

*