Le pagelle di Verona-Vicenza

NICOLAS 6: Incolpevole sui gol, per il resto il Vicenza non si rende molto pericoloso e lui amministra i palloni che passano dalla sue parti, potrebbe essere più preciso su qualche rinvio.

SOUPRAYEN 7: Sempre una spina nel fianco degli avversari sulla fascia, dove si impegna e corre come un forsennato, qualche imprecisione in fase difensiva, nulla di nuovo.

FERRARI 7: Determinante in un paio di recuperi su contropiedi del Vicenza nel secondo tempo, è anche autore dell’assist per il gol di Romulo. In continua crescita.

CARACCIOLO 6,5: Partita di grinta e sostanza. Non ha colpe sui due gol ospiti, una prodezza il primo, viziato da un evidente fallo il secondo.

ROMULO 8: El “hombre del partido”, gelido e devastante. Il suo gol, per importanza e coefficiente di difficoltà, vale da solo il voto. Ma la sua partita è fatta anche di tanta sostanza. Finalmente decisivo.

B. ZUCULINI 7: Morde le caviglie avversarie come il miglior Gattuso ed è autore di una marea di recuperi. Inoltre fa sempre la cosa giusta in fase di impostazione. Indispensabile.

FOSSATI 6: Nel primo tempo potrebbe azzardare di più in fase di impostazione nei momenti in cui bisogna cercare il passaggio filtrante. Meglio nel secondo tempo, quando diventa importante la sua presenza in fase di interdizione.

BESSA 8: La qualità al potere. Finalmente un giocatore che quando tira in porta è sempre pericoloso. Se gioca sempre così fa la differenza anche in serie A. Il gol del pareggio è da cineteca.

LUPPI 6: Non è mai incisivo come ci si aspetterebbe e gli manca spesso il guizzo giusto, apporto di sostanza più che di qualità. 

PAZZINI 6: Da manuale l’assist di testa per la conclusione a rete di Ganz sul 2-2. Per il resto fatica a rendersi pericoloso. È vero anche che non sempre viene servito in maniera precisa.

SILIGARDI 7: Si vede che è molto più in palla rispetto a molte altre giornate. Bellissimo il gol, nell’occasione si beve agevolmente Adejo e sfrutta finalmente il suo sinistro.

GANZ 5,5: È vero, Pecchia lo mette in campo come ala e lui appare spaesato, ma l’occasione servitagli dal Pazzo in cui si trova davanti al portiere e spara alto sopra la traversa grida vendetta. Per fortuna ha risolto Romulo.

VALOTI 6: Entra in campo nel momento più difficile della partita faticando a trovare la posizione, migliora con il passare dei minuti. Manda alto di testa sprecando una ghiotta occasione da goal.

TROIANIELLO 6,5: L’amuleto delle promozioni in serie A entra subito in partita, mettendoci grinta ed entusiasmo, dà il via all’azione del goal vittoria.

PECCHIA 6,5: Gli vanno riconosciuti i meriti di una squadra che non molla mai fino alla fine e che sputa sangue per ottenere la vittoria. Ok, il calcio champagne di inizio stagione è un lontano ricordo però in serie B si rivela più vincente la concretezza che si è vista nelle ultime giornate. A tre giornate dalla fine il Verona c’è, e questa è una bella notizia.

Riccardo Pinamonte

CONDIVIDI
Federico Messini
Federico Messini nasce a Villafranca di Verona il 15/05/1990. Studente in lettere moderne presso l'Università degli studi di Trento. Scrittore e cantautore ha all'attivo due pubblicazioni : "Il gioco degli spiccioli" uscito nel 2013 e "Il doppiatore" uscito nel 2016.

LASCIA UN COMMENTO

*