Le pagelle di Virtus Entella-Verona

Nicolas 6,5: Quando l’Entella si rende pericolosa lui risponde sempre presente, bravo anche nelle uscite e attento nei momenti decisivi della gara.

Pisano 7: Rientro migliore non poteva esserci, non sbaglia nulla in fase difensiva e segna un goal fondamentale, quando può si spinge in avanti sulla fascia per creare superiorità numerica andando spesso al cross.

Ferrari 6: L’avvio di gara non è dei migliori, in difficoltà quando gli avversari alzano i ritmi, commette qualche imprecisione anche in fase di impostazione. Cresce con il passare del tempo. L’impegno non si discute, manca forse un po’ di esperienza.

Caracciolo 5,5: Commette il fallo nell’occasione del rigore che riapre la partita, fa a sportellate con gli attaccanti avversari per il resto del match, facendo valere la sua fisicità.

Rómulo 6,5: In fase offensiva è una spina nel fianco costante della difesa avversaria e, specialmente nel primo tempo, le sue accelerazioni mandano in tilt gli avversari che faticano a contenerlo. Nella ripresa si limita esclusivamente o quasi alla fase di copertura.

Zaccagni 6,5: Tanta corsa e pressing alto sui portatori di palla avversari, diventa il valore aggiunto del centrocampo gialloblù recuperando moltissimi palloni e lanciandosi negli spazi quando ne ha la possibilità.

Fossati 6,5: Nel primo tempo tocca mille palloni, si mette in cabina di regia e prende le redini della manovra del Verona non sbagliando praticamente nulla. Più in difficoltà nella ripresa quando i padroni di casa alzano i ritmi.

Bessa 7,5: Sblocca la partita con uno dei suoi soliti tiri da fuori, uomo a tutto campo, ha personalità, intelligenza tattica, fisico e quella dose di spregiudicatezza che ha chiesto Pecchia in settimana. È il giocatore chiave del Verona in questa volata finale.

Luppi 6: Tanta corsa e tanto lavoro sporco al servizio della squadra, buone alcune sue percussioni nella prima frazione di gioco, dà un grande contributo anche in fase di interdizione.

Siligardi 6,5: La sua tecnica fa la differenza in avanti, fraseggia alla perfezione con i compagni contribuendo in maniera decisiva alla manovra scaligera, cerca spesso l’inbucata in area e si sacrifica anche in fase difensiva. 

Pazzini 7: È il faro guida per questa squadra, lotta come un leone su ogni pallone e quando nella ripresa c’è da gestire il risultato diventa fondamentale la sua abilità nel difendere la palla. Decisivo anche se non segna.

Troianiello 6,5: Entra e si cala subito nella parte, facendo pressione sugli avversari, recuperando palloni e, quando può, provando a sfondare sulla fascia. La sua esperienza può tornare utile in questo finale di stagione rovente.

Fares SV

Pecchia 6,5: Vittoria pesantissima su un campo difficile, nel momento clou del campionato. Il suo Verona ha alzato l’asticella e accelerato nel momento decisivo, proponendo a tratti un gioco anche spumeggiante. Ora serve lo sforzo finale: l’obiettivo è vicinissimo e lui ne è consapevole.

CONDIVIDI
Federico Messini
Federico Messini nasce a Villafranca di Verona il 15/05/1990. Studente in lettere moderne presso l'Università degli studi di Trento. Scrittore e cantautore ha all'attivo due pubblicazioni : "Il gioco degli spiccioli" uscito nel 2013 e "Il doppiatore" uscito nel 2016.

LASCIA UN COMMENTO

*