L’Hellas è già in ferie, vince senza fatica il Genoa

Ultima giornata di campionato che vede scendere in campo Genoa ed Hellas Verona.

I locali si giocheranno il tutto per tutto questa sera per mantenere la serie A mentre il Verona con più tranquillità scenderà in campo vendendo cara la pelle.

Inizia la partita e dopo una fiammata dei nostri la gara si gioca perlopiù nella parte centrale del campo. Dopo 12 minuti gran cross di Lerager e gol di Sanabria che porta in vantaggio i rossoblu.
I nostri non sembrano però essere entrati in partita al 25esimo il Genoa allunga: assist di Pandev a servire Sanabria che insacca la biglia nella rete della porta difesa da Radunovic.

L’Hellas non riesce ad ingranare e al 43esimo il Genoa ne fa un altro da corner con Romero che infila la palla in rete.
Ma gli episodi negativi non sono finiti e in pieno recupero dopo un contrasto resta a terra Pessina, costretto ad uscire in barella per una brutta botta al ginocchio.

Brutto primo tempo per gli uomini di Juric autori probabilmente dei 45 minuti peggiori della stagione.

Prima della ripresa entrano in campo Pazzini e Borini subentrati rispettivamente a Di Carmine e Pessina.
I due neo entrati sembrano dare un po’ di verve alla squadra e i gialloblù riescono a creare qualche azione offensiva.
Al 61esimo viene espulso Romero per secondo cartellino giallo. Contestualmente viene espulso anche mister Juric per proteste.

Dopo 13 minuti entra Salcedo ed esce Gunter, l’idea è ora di sfruttare al massimo l’uomo in più. I minuti scorrono ma senza grandi occasioni.

Nel finale espulsione anche per Amrabat che va faccia a faccia con Cassata.

Si chiude così una partita brutta, forse la peggiore di questa stagione per un Verona che chiude per un gran campionato, andando oltre ogni aspettativa.

Stefano Pozza
Dopo il diploma di maturità classica, mi sono laureato in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Padova. Dal marzo 2012 sono iscritto all'Ordine dei Giornalisti, elenco pubblicisti. Nella vita di tutti i giorni lavoro come Buyer, e coltivo due grandi passioni: la politica e il giornalismo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*