Margiotta segue con attenzione le sorti del Vicenza

Il Vicenza Calcio sta per sparire. Una delle grandi avversarie della storia del Verona, un nemico tra i più ostici che, grazie ad una gestione societaria pessima, si spegne. Dispiace soprattutto per dipendenti e famiglie che perdono il lavoro, dispiace per l’allenatore Nicola Zanini, vecchia conoscenza del Verona, dispiace per Nicola Ferrari, ex gialloblù ancora molto amato. Dal punto di vista degli sfottò tra i tifosi, quelli del Verona stanno sicuramente esultando per la delusione dei vicentini, ma a mente fredda dispiace perdere un’avversaria che in oltre 100 anni di storia ci ha fieramente contrapposto sfide epiche.

Dal punto di vista sportivo, se il Vicenza dovesse sparire del tutto, i suoi giocatori si libererebbero gratis, compresi quelli del settore giovanile, di cui è stato responsabile per anni Massimo Margiotta, attuale responsabile del settore giovanile del Verona. Margiotta ha portato in biancorosso molti virgulti. Sicuramente, tranne qualche nome più importante, come il classe 1999 Daniele Viola, potrà valutare se portare a Verona qualche ragazzo, magari poco conosciuto agli addetti ai lavori.

È per questo che il dirigente italo-venezuelano sta seguendo con attenzione le sorti dei cugini: non solo per i ricordi, da calciatore e dirigente del Vicenza, ma anche per un discorso lavorativo.

Si attendono comunque notizie per capire cosa accadrà alla società biancorossa.

D.Con.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*