Maturità ed esperienza: la lista della spesa di Fusco

Paloschi, Borriello e Floccari. Insieme fanno 857 presenze e 218 gol in Serie A. Verde, Kean e Valoti ne hanno 64 con 5 segnature all’attivo di cui, la maggior parte, realizzate quest’anno. Solo Cerci, che con la Spal è stato tra i migliori in campo, Romulo e Caceres, sono per l’Hellas giocatori di un certo pedigree.

A Ferrara, il Verona ha dominato per 80 minuti. Qualche rischio lo ha corso, questo è vero, ma ha creato molto, costringendo gli avversari alla sofferenza quasi totale, purtroppo spazzata via in 5 minuti, dopo che i locali hanno provato (e trovato) la vena realizzativa di Paloschi, Floccari e Antenucci. Assieme a Borriello, ieri a secco, un lusso (anche economico), che in attacco poche squadre di bassa classifica possono permettersi. Dall’altra parte, solo per citarne alcuni, Nicolas, Caracciolo, Ferrari e Fares. Difficile non notare le differenze.

Esemplificativo in tal senso il primo Verona in serie A di Mandorlini, quando il tecnico gettava nella mischia i gregari Donati e Donadel che, seppur gravati dalla carta d’identità, vantavano più di un centinaio di presenze in categoria e sapevano come gestire i momenti “caldi”. Anche quella era una squadra imbottita di debuttanti, ma qua e là erano state inserite vecchie volpi che facevano la differenza. Di gran lunga sostituzioni diverse dal pur bravo Valoti o addirittura Calvano, che fino all’altro giorno si allenava da solo a Peschiera.

Il vecchio diesse Sogliano l’aveva capito e accanto ad alcuni giovanotti di belle speranze, aveva inserito una buona dose di esperienza.

Urge correre ai ripari. Con il mercato alle porte, servono due/tre rinforzi di lungo corso, e soprattutto non si pensi che per sostituire uno come Caceres, che andrà alla Lazio, basta aspettare il rientro di Bianchetti. Scelte determinanti aspettano il Direttore Fusco, che una volta per tutte faranno comprendere chiaramente se l’obiettivo dell’Hellas è lottare per salvare la massima serie o gettare le basi per un altro campionato di serie B.

Damiano Conati

2 COMMENTS

  1. Con il mago Catapecchia il verona non invecchia.Con il mago SETTORELLO il campionato dell’hellas e’ piu’ bello.Aspettiamo il mago Foschi che ci compri LEWANDOSKI!

LASCIA UN COMMENTO

*