Nella testa di Juric. Il dubbio si chiama Dimarco

Dalla conferenza stampa di ieri non è emerso granché della possibile formazione del Verona contro la Lazio.
Quelle che sono certe sono le assenze: Vieira e Favilli più il lungodegente Benassi e lo squalificato Lovato. Gli altri sono tutti a disposizione del mister.
Il dubbio, ormai consueto, è legato all’impiego di Federico Dimarco. Non ci fosse stato Luis Alberto, che ha invece recuperato e sarà titolare, il biondo terzino avrebbe sicuramente giocato nei tre dietro come a Cagliari. Ma la presenza del talento spagnolo tra i biancoazzurri invita Juric alla prudenza. Più probabile, quindi, che a difendere Silvestri ci siano Dawidowicz, Magnani e Ceccherini, tre centrali puri, anche per arginare un Immobile che quando vede il Verona si scatena.
Tameze e Veloso non si toccano, come pure i tre attaccanti. Capitolo diverso riguarda gli esterni: a sinistra il solito Dimarco insidia Lazovic, a destra Faraoni è il titolare, anche se Juric ha chiaramente fatto capire che è stuzzicato da Rüegg. Per lo svizzero è probabile un impiego nel secondo tempo, come pure per i rientranti Kalinic e Colley.

Probabile formazione.
Silvestri; Dawidowicz, Magnani, Ceccherini; Faraoni, Tameze, Veloso, Dimarco; Barák, Zaccagni; Lasagna.

Damiano Conati

Damiano Conati
Sono nato a Verona nel 1982, sono sposato e ho tre bellissimi bambini. Laureato in Scienze della comunicazione, sono iscritto all'Ordine dei Giornalisti dal 2005. Giá collaboratore di molte testate locali, presidente di una società di basket, ho vissuto tre anni in missione in Brasile e attualmente lavoro come operatore sociale in Caritas Verona.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*