Ora inizia a fare freddo

Gol in fuorigioco o meno, guardiamo bene il risultato del derby. Estrapoliamolo da ogni rammarico o recriminazione e denudiamoci di ogni certezza acquisita o presunta. 1 punto nelle ultime 5 gare al Bentegodi e, ieri, un tiro contro i quattro del Chievo nello specchio. L’Hellas è in crisi, punto. Lo è la Società, l’Allenatore, la Squadra ed i Tifosi. La classifica ora inizia a farsi preoccupante perché chi prima era dietro, ha iniziato a correre. Non esiste taumaturgo che possa risolvere immediatamente i problemi del Verona. Se ne esce solo facendosi su le maniche, recuperando i troppi infortunati e correggendo la rosa nella finestra di mercato. Il Verona soffre troppo; non è più quello della scorsa stagione ed è in caduta libera. Che sia colpa di Nene’, Tachtsidis o Mandorlini adesso non importa. E non serve un bagno di umiltà, almeno per quello che mettono in campo i giocatori. Serve più qualità in mezzo al campo e sugli esterni. Fisioterapisti e medici (per il recupero degli acciaccati) e uomini mercato (per gli acquisti) al lavoro. La nave imbarca troppa acqua e occorre chiudere le falle!

Michele Coratto

CONDIVIDI
Michele Coratto
Michele Coratto si diploma al Liceo Classico “Scipione Maffei” e si laurea in Scienze della Comunicazione a Verona. Giornalista dal 2011, collabora con la Redazione Sportiva de L'Arena ed è Direttore Responsabile di Hellas News.

LASCIA UN COMMENTO

*