Pisano: “Resto anche l’anno prossimo. Ora però concentriamoci sul derby”

Non appena entra in palestra l’entusiasmo dei piccoli tifosi si scatena. “E’ quasi più facile scendere in campo alla domenica, si sente meno la pressione”, scherza Eros Pisano. Tanti sorrisi per il difensore gialloblù, che lunedì 4 maggio è salito in cattedra alla scuola primaria di Buttapietra per rispondere a domande e curiosità dei più piccoli. L’incontro rientra nell’ambito del Progetto Scuola 2014-15, promosso dalSettore Giovanile e dalla Scuola Calcio dell’Hellas Verona FC con la collaborazione della Facoltà di Scienze Motorie dell’Università di Verona.

 

Il gialloblù non fa in tempo a presentarsi, gli studenti lo conoscono bene. “Tu sei Eros Pisano e prima di arrivare al Verona giocavi nel Palermo!”, gridano entusiasti gli studenti. “Meno male che mi conoscete, altrimenti mi sarei offeso e sarei andato via”, risponde scherzando il gialloblù. Non perde mai il buonumore Eros: la delusione della sfida con l’Udinese è già passata, ora la testa è concentrata allo scontro con il Chievo. “Siamo molto concentrati per il derby, ci teniamo a giocare bene in questa gara che è molto importante per la città, per noi e per i nostri tifosi”, spiega il gialloblù.

 

Come ti hanno accolto i tuoi compagni una volta arrivato a Verona? E perché te ne sei andato dal Palermo?”, hanno voluto sapere i ragazzi. “Era un periodo in cui a Palermo giocavo poco” ha spiegato Pisano, “il Verona mi ha cercato proponendomi un progetto interessante e poi ero curioso, tutti mi hanno sempre parlato bene della piazza e volevo vederla con i miei occhi. E’ stata dura lasciare Palermo, lì avevo  molti amici come Dybala e Vazquez. Una volta arrivato a Verona sono stato accolto molto bene. Questo è un aspetto molto importante nella vita di un calciatore, perché quando si cambia squadra si va incontro a diverse difficoltà, può essere difficile ambientarsi in un gruppo affiatato. Però a Verona ho trovato un ambiente molto bello e tanta disponibilità da parte di compagni, staff tecnico e società. Qui ho trovato una maglia da titolare, spero di poter continuare a fare bene fino alla fine della stagione”.

 

Mi trovo molto bene nel Verona”, ha rivelato Pisano, “visto che abbiamo raggiunto l’obiettivo stagionale, rimarrò un altro anno qui, io e la mia famiglia ci troviamo molto bene qui. Certo, se arrivasse la chiamata del Barcellona… (ride, ndr). Scherzi a parte, qui ho trovato un affetto incredibile”.

 

Prima dei saluti, gli studenti hanno chiesto informazioni sulla vita nello spogliatoio e sul rapporto tra allenatore e squadra. “Mandorlini ci grida spesso, ma lo fa per richiamare l’attenzione, esattamente come lo fanno le vostre maestre se vi deconcentrate”, ha spiegato Pisano.


Fonte: Ufficio Stampa H. Verona F.C.

LASCIA UN COMMENTO

*