Player focus: Marco Silvestri

Mister clean sheet di quest’anno: solo Gianluigi Donnarumma ha fatto meglio di lui, 10 partite a porta inviolata, mentre Thomas Strakosha e Juan Musso lo eguagliano a 9. Marco Silvestri, alla terza stagione in gialloblù, è diventato negli ultimi due anni un giocatore importantissimo. Quanto di buono il Verona sta facendo lo deve anche a lui e alle sue ottime parate, come quella sul leccese Marco Mancosu alla 2a giornata, a salvare il risultato e a spingere la sfera – piazzata all’angolino basso più lontano – lontana dallo specchio, quella sulla punizione di Domenico Berardi – in Hellas Verona-Sassuolo della 9a giornata – o ancora la sua straordinaria reazione d’istinto sulla velonosa traiettoria disegnata da Yann Karamoh in Parma-Hellas Verona la giornata successiva o l’incredibile prestazione nel recupero della sfida dell’Olimpico contro la Lazio, solo per fare qualche esempio. Gatto Silvestri quest’anno, per celebrare quella che fin qui è stata un’ottima annata, ha deciso di ossigenare i suoi capelli.

#1 MARCO SILVESTRI

Data di nascita: 2 marzo 1991

Luogo: Castelnovo ne’ Monti, Reggio Emilia

Altezza: 1,91 m

Nazionalità: italiana

Ruolo: Portiere

Piede preferito: Destro

Caratteristiche: felino

Presenze in Serie A: 30

Presenze Hellas Verona: 71

«Marco è un ragazzo di temperamento e umanamente eccezionale. Più ci si dedica, più cresce il rispetto per la maglia che si indossa, per il club, i tifosi ed i compagni. Lui è un dedicato. Ecco la sua grande qualità»

Cit. Massimo Cataldi

L’ESORDIO-SALVEZZA

Sono solamente 30 le presenze in Serie A di Marco Silvestri in carriera, un numero che stona parecchio se consideriamo le sue eccellenti prestazioni nel corso dell’attuale campionato. Per lui, oltre ai 27 con il Verona, solo 3 gettoni in maglia Cagliari nelle ultime 3 partite del 2013/14. L’esordio arriva per una serie di fortunati eventi: i sardi varano su di lui come vice Avramov, dopo la partenza di Michael Agazzi a gennaio, ma la prima occasione per Silvestri è alla 35a giornata. Il sabato precedente Vlada Avramov incassa un’ammonizione che fa scattare la squalifica: il Cagliari vince a Genova ed è a 3 punti dalla salvezza. Per la sfida del Sant’Elia contro il Parma l’allenatore Ivo Pulga si affida al giovane secondo portiere, che nei 90′ agitatissimi minuti compie 3 parate fondamentali: la prima su un calcio di punizione di Antonio Cassano, la seconda su un colpo di testa in inserimento di Marco Parolo e la terza, straordinari, su un’incornata di Amauri. “Bellissimo esordire così: è quello che tutti sperano. Senza prendere gol, vincendo e salvandosi”, dirà al termine della partita. Il Cagliari si salva e Silvestri conclude la stagione giocando le restanti due gare di campionato.

LEEDS UNITED

La squadra con cui Marco Silvestri ha disputato più partite è il Leeds United, storica formazione inglese che, dal 2014 al 2017 milita in Championship, la seconda serie inglese. 98 presenze con gli whites, in un triennio di continua crescita. Nel 2014/15 il Leeds si piazza quindicesimo e l’anno successivo tredicesimo, con Silvestri sempre titolare. Nel 2016/17 a lui viene preferito l’ex Nazionale Inglese Rob Green, con l’italiano che scende in campo solo per le gare di EFL Cup (l’avventura termina ai quarti di finale ad Anfield contro il Liverpool) e di FA Cup. Al termine della stagione Silvestri scegli l’Hellas Verona e sarà l’inizio di un’altra meravigliosa storia per lui.

UN AMICO DI NOME TOMMY

Il 27 ottobre 2018, sul prato del ‘Bentegodi’ Marco Silvestri ha conosciuto un nuovo amico che, a detta sua, gli ha portato fortuna. Si chiama Tommy ed è un bambino affetto da ittiosi lamellare. Quel giorno, in occasione di Hellas Verona-Perugia, l’estremo difensore gialloblù parò il primo rigore della stagione e allora, per ringraziarlo, il giorno seguente andò a trovare il piccolo a casa. Fra i due è nato un rapporto speciale e Tommy, come in molti sanno, spesso accompagna il portierone in campo in occasione delle gare del Verona. Marco dal canto suo, come fa con i propri pali, è sempre pronto a proteggere il suo amico, come ha fatto il 3 dicembre 2019 in occasione della sfida con la Roma, quando per tenerlo al riparo dalla pioggia battente lo ha coperto con la sua felpa. Marco e la sua compagna Sofia si sono mossi in prima persona per sostenere la ricerca contro l’ittiosi lamellare attraverso il Comitato UFFI.

SOCIAL & VIDEOGAMES

Non meno importanti sono gli aspetti legati ai social e ai videogames. In questi giorni in cui tutti #RESTIAMOACASA, Marco Silvestri si è distinto per una bellissima iniziativa su Instagram. Ha infatti iniziato a videochiamare, a random, i suoi followers più giovani per assicurarsi che stiano bene e che rispettino tutte le regole imposte per il contrasto del COVID-19, invitandoli, una volta che tutto rientrerà nella norma, ad assistere agli allenamenti dei gialloblù a Peschiera. Inoltre, in questi giorni, il portierone dell’Hellas potrà svagarsi con i videogames, una sua passione, grazie anche a una super postazione di gaming. Fonte: hellasverona.it

LASCIA UN COMMENTO

*