Rivogliamo la rotella a merenda

di Massimo Recchia 

Erano anni tristi quelli in cui al pomeriggio si viaggiava a pane e zucchero o pane ed un filo di confettura. 
Venne poi la rotella, in volgo girella. Ma sempre di rotella si parlava. Qualcosa ha rotto l’asse temporale in Verona Sassuolo eludendo decine e decine di merende ai nostri figlioli. Luca non produce più rotelle, si incazza, alza il pugno di sfida alla Pavesi ed alla Barilla e non ne produce più. Ragazzi in preda al panico, come topi in attesa del sacrificio, rivogliono l’antica quanto benefica merendina roteante dal maestro pasticcere Luca da Pavullo. Lui ascolterà i suoi clienti, soprattutto se bimbi tristi e malinconici come oramai siamo diventati noi. Luca, ridacci la rotella! Anche scaduta va benissimo, male che vada un po’ di fasoles mexicanos riporteranno tutto in linea della panza da campeon. 

LASCIA UN COMMENTO

*