Saviola: quale verità?

Premesso che Saviola, pagato nel 2001 dal Barcellona oltre 45 miliardi di lire per sostituire Romario, era e rimane un grandissimo talento del calcio mondiale, se a Verona non gioca un motivo ci deve essere. Questo è poco ma sicuro. Se così non fosse dovremmo parlare di un Mandorlini tutto d’un tratto rimbambito o divenuto un masochista a cui piace tenere in panchina un giocatore che potrebbe fare le fortune dell’Hellas. Ovviamente così non può essere. La recente storia gialloblù, tra l’altro, è dalla sua parte: ci ricordiamo le polemiche che si erano susseguite due anni fa quando in serie B non faceva giocare Bojinov? Ecco, appunto: dopo Verona, che fine ha fatto il bulgaro? Non è del tutto evidente quanto abbia avuto ragione in quell’occasione e come, allo stesso modo, si sia dimostrato altrettanto all’altezza nel valutare altre potenzialità a sua disposizione? Parlare di Iturbe sarebbe troppo facile. Il riferimento è invece a Marquinho, integrato e poi schierato con intelligenza nel girone di ritorno dello scorso campionato. Appare quindi chiaro che il tecnico ravennate, sulla scorta dell’enorme credibilità meritata negli ultimi anni, deve avere qualche buona motivazione per non far giocare l’asso argentino. Qualcosa che noi tifosi non sappiamo e che gli impedisce, di fatto, di schierarlo titolare. Il colpo di tacco alla Scala del Calcio ci ha offuscato la mente. Lasciamo lavorare in pace il nostro allenatore che dalla Lega Pro ad oggi qualche mossa l’ha indovinata..
I commenti da bar sport sono il sale delle discussioni però ricordiamoci che nel calcio non si improvvisa nulla. E Mandorlini lo sa: diversamente dai suoi predecessori, e’ riuscito nell’impresa di resuscitare l’Hellas che stava affondando nelle paludi della C e oggi merita la fiducia di tutti i tifosi. Se crediamo in lui, automaticamente non abbiamo più motivo di pensare che stia sbagliando nel non far giocare Saviola. Quando sarà pronto, arriverà anche il suo momento. Ne siamo certi.

Michele Coratto

CONDIVIDI
Michele Coratto
Michele Coratto si diploma al Liceo Classico “Scipione Maffei” e si laurea in Scienze della Comunicazione a Verona. Giornalista dal 2011, collabora con la Redazione Sportiva de L'Arena ed è Direttore Responsabile di Hellas News.

LASCIA UN COMMENTO

*