Setti, attento: Jorginho al ribasso non si lascia a Napoli!

Sara’ anche una questione di bilanci, non lo metto in dubbio, ma il Presidente Setti deve stare molto attento a non rimetterci ulteriormente, svalutando i campioncini di cui dispone. Se per Sala si è detto che si aspetta l’offerta congrua, ora i riflettori sono puntati su Jorginho. Che piaccia o no, il carioca è potenzialmente un “top player”. E l’ha dimostrato ampiamente nel girone d’andata del primo campionato di Serie A. Che adesso il Napoli giochi al ribasso e intenda strappare la seconda metà per una cifra inferiore ai 4 milioni e mezzo versati un anno e mezzo fa, questo non va bene. Presidente, Direttore Generale e Diesse si rendano conto che Jorginho è ancora un potenziale “crack” nel suo ruolo. Basta farlo giocare davanti alla difesa e l’interprete brasiliano tornerà di nuovo a brillare. Il modulo di Benitez con due mediani non sfruttava appieno le sue doti di direttore d’orchestra. È così evidente quanto sia stato efficace nell’economia del gioco dell’Hellas! Più forse dei vari Iturbe e Romulo che nella seconda metà della stagione, senza di lui, ebbero una flessione (32 punti alla fine del girone d’andata contro i 22 del ritorno). A Verona, nel Verona di Mandorlini, Jorginho tornerebbe quello che era e conquisterebbe – ne sono convinto – la Nazionale. Signor Setti, non svenda un Campione per pochi euro. Tenga duro e se necessario vada alle buste: gli utili a cui Lei fa riferimento dipendono soprattutto da operazioni di questo tipo. Resistere oggi significa realizzare di più domani. Rifletta bene!

Michele Coratto

Michele Coratto
Michele Coratto si diploma al Liceo Classico “Scipione Maffei” e si laurea in Scienze della Comunicazione a Verona. Giornalista dal 2011, collabora con la Redazione Sportiva de L'Arena ed è Direttore Responsabile di Hellas News.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*