Si chiude con un pari il 2018 gialloblù

di Riccardo Pinamonte

Al Pino Zaccheria si sfidano Foggia e l’Hellas Verona. I pugliesi vengono da tre sconfitte di fila e si trovano al penultimo posto in classifica, anche se con otto punti di penalizzazione. I gialloblu invece sono terzi in classifica, in piena corsa per la promozione diretta, e vengono da una striscia positiva di tre vittorie nelle ultime quattro partite.

Partono bene i padroni di casa, che al 1’ minuto si fanno subito pericolosi con un tiro da fuori di Agnelli, parato con sicurezza da Silvestri. Al 4’ Pazzini corregge in rete di testa un cross dalla destra, ma il gol viene annullato per un suo netto fuorigioco.

La partita nei prima minuti è vivace e aperta, con il Foggia che lascia molto campo aperto al Verona, che ne approfitta al quarto d’ora, passando in vantaggio: Henderson mette in mezzo dalla destra, Lee a colpo sicuro tira sul portiere che non trattiene, Pazzini è lì e mette in rete facilmente. 0-1.

Ampi spazi per l’Hellas nei primi minuti dopo il gol, ma è il Foggia che si fa prefrire: al 28’ bel tiro da fuori di Galano che esce di pochissimo alla destra di Silvestri. Al 30’ il pareggio dei pugliesi: Zambelli crossa dalla destra, Caracciolo svirgola clamorosamente una palla ch poteva benissimo respingere Mazzeo tutto solo mette la palla in rete. 1-1.

5 minuti più tardi ancora è ancora il Foggia a rendersi pericoloso, con Kragl che impegna Silvestri a una respinta bassa sulla sua sinistra. Nel finale però torna a farsi pericoloso il Verona: al 39’ Henderson conclude da fuori, palla fuori di poco. Nel finale di primo tempo nuovo vantaggio gialloblu: Balkovec crossa dalla sinistra, il portiere devia male verso il centro dell’area dove Lee in mezza acrobazia insacca. 1-2.

Il secondo tempo vede un Foggia più arrembante e deciso rispetto al Verona. Al 55’ bel tiro da fuori di Iemmello, respinto da Silvestri. Tre minuti più tardi i pugliesi andrebbero in gol con un attivissimo Iemmello, ma l’arbitro annulla per un presunto fallo su Caracciolo. Al 61’ calcio di rigore per il Foggia: Caracciolo strattona in area Tonucci, Iemmello batte centralmente e Silvestri para. Terzo rigore parato in stagione per l’estremo difensore gialloblu.

Al 74’ i pugliesi trovano il 2-2: Gerbo lascia partire un missile da fuori area che va diretto nel sette, imparabile per Silvestri. A dieci dalla fine viene espulso mister Grosso, probabilmente per eccessive proteste.

Al’84’ miracolo di Silvestri su un Galano lanciato a rete tutto solo. Il portiere gialloblu per distacco è il migliore in campo.

Dopo sei minuti di recupero, la partita si conclude. Primo tempo equilibrato, secondo tempo con un Foggia che forse meritava qualcosa in più. Il Verona conclude l’anno e il girone d’andata con 30 punti e una striscia di risultati utili positivi di sei partite (tre vittorie e tre pareggi).

LE FORMAZIONI

Foggia (3-4-1-2): Noppert; Tonucci, Martinelli, Ranieri; Zambelli, Gerbo, Agnelli, Kragl; Galano; Mazzeo, Iemmello. A disposizione: Bizzarri, Sarri, Loiacono, Carraro, Deli, Cicerelli, Chiaretti, Rubin, Boldor, Arena, Ramè, Gori. All. Padalino.

Verona (4-3-3): Silvestri; Almici, Dawidowicz, Caracciolo, Balkovec; Gustafson, Zaccagni, Henderson; Matos, Pazzini, Lee. A disposizione: Berardi, Chiesa, Eguelfi, Marrone, Colombatto, Laribi, Kumbulla, Danzi, Tupta, Bianchetti, Empereur. All: Grosso.

Arbitro: Francesco Fourneau.

CONDIVIDI
Stefano Pozza
Dopo il diploma di maturità classica, mi sono laureato in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Padova. Dal marzo 2012 sono iscritto all'Ordine dei Giornalisti, elenco pubblicisti. Nella vita di tutti i giorni lavoro come Buyer, e coltivo due grandi passioni: la politica e il giornalismo.

LASCIA UN COMMENTO

*