Spezia vs H. Verona 1-4

Stefano Pozza

Parte bene lo Spezia, conscio di dover fare la partita di fronte la corazzata gialloblù. Liguri molto aggressivi e padroni del campo. I nostri invece fanno un po’ fatica a mantenere il solito fraseggio di gioco, il campo bagnato costringe più volte i nostri all’errore, e viene spesso chiamato in causa il portiere Nicolas, costretto al lancio lungo. Al 15° però arriva il gol del Verona, con un bel tiro di Fossati da limite, con la palla che viene deviata e si infila alle spalle del portiere Chichizola. I gialloblù alzano la testa e prendono coraggio, ma i locali sono agguerriti e lo dimostrano sul campo. Al 25° grave errore di Pisano che passa un pallone imbarazzante a Nicolas, lo anticipa il numero 23 Piu che costringe l’estremo difensore gialloblù al fallo da rigore. Si incarica della battuta “el Diablo” Granoche che regala ai suoi il pareggio. 30° il Verona torna in vantaggio: Siligardi va in fascia mette dentro palla, sopraggiunge Pazzini che riporta in vantaggio i gialloblù. Non un bel primo tempo per i nostri, che però stanno giocando contro una buonissima squadra su un campo inzuppato dalla pioggia. Nella riprese l’hellas parte meglio, con un buon pressing alto, e riuscendo ad imporre il proprio gioco. Al 15° é ancora Fossati a segnare, sempre dal limite dell’area, portando il Verona sul 3 a 1. 18° fuori Siligardi dentro Zuculini. 25° fuori Luppi dentro Fares. 34° Zuculini resta a terra per un problema muscolare, al suo posto entra Zaccagni. Al 37° lo Spezia resta in dieci, per somma di ammonizioni a Datkovic. C’è tempo anche per il 4 a 1: bella ripartenza di Zaccagni che si fa praticamente tutto il campo di corsa e serve un delizioso pallone a Romulo che solo davanti al portiere segna. Nel recupero viene espulso Fares per un brutto fallo a centrocampo.

Finisce il match, non una delle migliori prove del Verona, che però é riuscito ad ottenere i 3 punti su un campo difficile. Spezia che é riuscito a trovare il gol su un nostro svarione difensivo, altrimenti probabilmente non avrebbe trovato nemmeno il gol della bandiera.

Migliori in campo Caracciolo e Fossati. 

CONDIVIDI
Stefano Pozza
Dopo il diploma di maturità classica, mi sono laureato in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Padova. Dal marzo 2012 sono iscritto all'Ordine dei Giornalisti, elenco pubblicisti. Nella vita di tutti i giorni lavoro come Buyer, e coltivo due grandi passioni: la politica e il giornalismo.

LASCIA UN COMMENTO

*