Sul Radar si cercano i Giovani

Damiano Conati

Il mercato non offre grandi possibilità, soprattutto a causa delle liste limitate per gli over. 

Come ha confermato il presidente Setti nel dopo gara con il Cesena, il Verona non starà immobile e qualcosa farà nel mercato dei giovani. 

Sia per rinforzare una squadra Primavera già prima in classifica nel proprio girone e che sta mettendo in luce alcuni prospetti davvero interessanti, ma anche per inserire in prima squadra qualche under già pronto, che possa, cioè, giocare in Serie B senza bisogno di andare nelle categorie inferiori per farsi le ossa. 

Fusco sta cercando prospetti alla Zaccagni o alla Boldor: giocatori che se chiamati a giocare sui campi della cadetteria, non sfigurino. Questo per valorizzare nuovi giovani e anche per dare più scelte a Pecchia.

D’altronde il Verona di Setti è una delle società che più sta lavorando sul futuro e un centro sportivo tutto suo potrebbe favorire ulteriormente questo processo di crescita del settore giovanile. 

È difficile trovare una società che possa contare su parecchi giocatori arrivati a Verona giovani o molto giovani e che adesso fanno parte in pianta stabile della rosa principale: da Bianchetti a Boldor, da Zaccagni a Fares, da Cappelluzzo al terzo portiere Ferrari. Senza dimenticare i Primavera Riccardi, Badan, Stefanec e Tupta e alcuni prestiti che stanno crescendo altrove come Boni e Checchin.

CONDIVIDI
Damiano Conati
Ho 34 anni, sono sposato da 10 e ho tre bellissimi bambini. Laureato in Scienze della comunicazione, sono iscritto all'Ordine dei Giornalisti dal 2005. Giá collaboratore di molte testate locali, presidente di una società di basket, ho vissuto tre anni in missione in Brasile e attualmente lavoro come operatore sociale in Caritas Verona.

LASCIA UN COMMENTO

*