Sull’asse Verona-Spezia, frotte di calciatori in Liguria

È il marzo del 2013 quando Maurizio Setti acquista da Giovanni Martinelli l’intero pacchetto azionario della società scaligera, diventandone proprietario unico.

Tre mesi dopo inizia il primo calciomercato gestito interamente dal nuovo Presidente. Allo Spezia il Verona gira Ceccarelli, Carrozza, Nicola Ferrari, Rivas e Bianchetti. Ma non solo. Sogliano acquista in estate Migliore e Baldanzeddu a parametro zero da Crotone e Juve Stabia e anch’essi vengono girati. Infine Giannetti ed Ebagua, entrambi bloccati dal Verona e lasciati a Spezia per giocare un anno di B con la speranza di una loro esplosione.

2014/2015 altra sessione di calciomercato e altri affari sulla direttrice Verona-La Spezia. Da Verona arrivano in Liguria il promettente De Col, lo spagnolo Luna, nuovamente Bianchetti, Nenê, ma il migliore è Chichizola, portiere che arriva dal River Plate dichiarando che sarebbe andato allo Spezia in Serie B italiana, ma in una società satellite del Verona che è in Serie A. Ovviamente l’argentino ha corretto il tiro dopo poche ore dicendo che lo Spezia era solo una società amica del Verona.

Estate 2015/2016. Lo Spezia acquista a titolo definitivo Nenê e De Col e si prende Martic.

Considerate le date esposte da Setti, è stato proprio l’inverno 2015 quello in cui si sono rotti i rapporti tra il presidente gialloblù e Volpi. Infatti da quel giorno sono finiti tutti gli affari tra le due società.

Ma tornando alle operazioni che si sono svolte nei tre periodi di calciomercato, in cui Setti e Volpi erano grandi amici e in cui tutte le trattative venivano concluse da Verona in direzione Spezia e mai viceversa, siamo veramente sicuri che il Verona non abbia già restituito il favore dei 5 milioni prestati da Volpi sotto forma di giocatori? È vero che molti dei nomi citati sopra erano degli scarti, ma qualcuno ha fruttato ai liguri anche qualche guadagno al momento della cessione, Giannetti su tutti. Senza dimenticare cosa hanno dato o stanno ancora dando alcuni di loro allo Spezia sportivamente parlando.

Quindi adesso chi restituirà ai gialloblù il valore, i guadagni e le plusvalenze di tutti quei giocatori che sono passati dal Verona allo Spezia?

D.Con.

LASCIA UN COMMENTO

*