Troppo brutto per essere Vero..na

È un Verona scarico e deconcentrato quello che perde meritatamente contro un ottimo Milan. L’Hellas inguardabile di oggi è stato fuori dai giochi fin da subito: errori banali in appoggio, calci piazzati sempre sbagliati e tante distrazioni dietro, soprattutto di Magnani nel primo tempo. Se si aggiuge che contro ha trovato una grande squadra, si comprende il risultato negativo.
Due gol all’incrocio dei pali di Krunic (con aiutino di Silvestri fuori posizione) e Dalot, ma soprattutto primo e unico tiro nello specchio da parte dei gialloblù all’87’ di Faraoni di testa. La sensazione è stata proprio quella che questo Verona non riesca a reggere tre partite in otto giorni. Lo si è capito anche dalle seconde palle che di solito son gialloblù e che invece oggi sono state tutte di proprietà del Milan e di uno straripante Kessiè, migliore in campo per distacco.
Il Verona ha perso, ma di fatto in classifica non è cambiato nulla rispetto a mercoledì scorso. Ora ci sarà una settimana di allenamenti prima del Sassuolo. Per fortuna.

Damiano Conati

Damiano Conati
Ho 34 anni, sono sposato da 10 e ho tre bellissimi bambini. Laureato in Scienze della comunicazione, sono iscritto all'Ordine dei Giornalisti dal 2005. Giá collaboratore di molte testate locali, presidente di una società di basket, ho vissuto tre anni in missione in Brasile e attualmente lavoro come operatore sociale in Caritas Verona.

1 COMMENTO

  1. Magnani poco brillante. Ma dire che ha fatto lui le distrazioni… la distrazione su leao si certo. Ma il fallo inevitabile, non era del suo uomo. Lui era in marcatura…è uscito per evitare che l avversario andasse in porta. Non è un suo errore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*