Ultimo giorno di mercato senza… pathos!

Era da tanto tempo che non si arrivava all’ultimo giorno di mercato con l’ansia del ticchettio dell’orologio che scandisce le ore prima della fine. La punta è arrivata. E che punta: quella della nazionale italiana.
Il mediano, ex nazionale pure lui, c’è e sarà a disposizione tra qualche giorno. Il trequartista è rientrato dal prestito in terra verdeoro e ha subito dimostrato di essere prezioso. Forse manca un centrale mancino per far contento l’allenatore, ma di difensori propriamente detti il Verona ne ha sette e ne giocano tre. Quindi anche qui non c’è impellente necessità.
Anche dalle cessioni non c’è agitazione. Due sono andati, due sono stati impacchettati nei giorni scorsi e oggi devono solo essere spediti, il giovane cresciuto nel vivaio è stato mandato a giocare e maturare.
Cos’altro rimane? Probabilmente il tifoso si aspetta una sorpresa dell’ultimo minuto. Un nome, un ruolo, un giovane, uno sconosciuto dal cognome esotico, come ultimo regalo da trovare inaspettatamente sotto l’albero. E se non arriverà in queste ultime 10 ore di mercato nessuno potrà recriminare o fare polemica. Perché, se si confrontano gli anni passati, si può tranquillamente dire che fino adesso il Verona ha operato uno dei migliori mercati di riparazione della sua storia.

Damiano Conati

Damiano Conati
Sono nato a Verona nel 1982, sono sposato e ho tre bellissimi bambini. Laureato in Scienze della comunicazione, sono iscritto all'Ordine dei Giornalisti dal 2005. Giá collaboratore di molte testate locali, presidente di una società di basket, ho vissuto tre anni in missione in Brasile e attualmente lavoro come operatore sociale in Caritas Verona.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*