La difesa è (quasi) fatta

Con la conferma di Bianchetti e Caracciolo e con il rientro dai prestiti di due giocatori molto esperti per la Serie B come Brosco e Cherubin, il pacchetto dei difensori centrali del Verona è praticamente fatto. Senza dimenticare che alle spalle di questi quattro c’è Kumbulla che sarà il punto di forza della squadra Primavera, ma che potrà essere convocato regolarmente in prima squadra.

Anche la corsia di sinistra è praticamente cosa fatta con Souprayen che può vantare un contratto molto lungo ancora in gialloblú e un livello tecnico ancora buono per la cadetteria, come dimostrato nell’anno della promozione. Alle sue spalle agirà Gian Filippo Felicioli che in Serie B ha già giocato un anno da titolare con la maglia dell’Ascoli, facendo bene.

Se il reparto centrale e quello di sinistra possono sorridere, nei numeri e anche nella qualità, stessa cosa non si può dire per la corsia di destra. Ferrari non verrà riscattato dal Bologna, mentre il giovane Bearzotti ha dimostrato a più riprese in Serie A di essere un profilo interessante e su cui investire per il futuro, ma totalmente fuori ruolo nella posizione del terzino destro. Bearzotti è un’ala, un attaccante esterno e con la fase difensiva non ha nulla a che vedere. Ecco che il Verona in questo momento si trova totalmente scoperto nel ruolo di terzino destro. Sarà uno dei settori in cui dovrà maggiormente lavorare il nuovo direttore sportivo.

D.Con.

LASCIA UN COMMENTO

*