Altro pareggio per un Verona sempre più anonimo e deludente

La 3^ giornata del girone d’andata del campionato di serie B vede scendere in campo Carpi ed Hellas Verona.

Gli scaligeri arrivano da un deludente pareggio casalingo con il Cosenza ed incontra oggi una squadra che occupa l’ultima posizione in classifica. Tra le scelte di formazione mister Grosso manda subito in campo il neo arrivato Vitale, conferma Di Gaudio, e preferisce Di Carmine a Giampaolo Pazzini.

Con queste premesse inizia il match, e dopo solo 5 minuti è il Verona ad avere una buonissima occasione con Di Gaudio che dalla sinistra sfiora il palo destro della porta. Sono i gialloblù a voler fare la partita, cercando di mantenere il pallino di gioco. La squadra di Mister Castori però dimostra di essere attiva provando talvolta a sorprendere i nostri.

I biancorossi crescono e al 22esimo creano una azione pericolosa con Arrighini. Troppo spazio tra le linee consentono ai locali di rendersi molto pericolosi. Sul finire del primo tempo il Carpi passa in vantaggio ci Giovanni Di Noia abile a sfruttare una respinta di Silvestri. in svantaggio l’Hellas chiude la prima frazione di gara.

Inizia il secondo tempo e mister Fabio Grosso manda in campo Faraoni al posto dell’ammonito Pawel Dawidowicz. Le condizioni del manto erboso cominciano a farsi veramente critiche a causa di una copiosa pioggia che copre la Città di Carpi.

I padroni di casa tentano di rallentare il gioco, mantenendo palla e dove possibile perdendo tempo. Al 55esimo esce Zaccagni ed entra Ryder Matos. E proprio alla prima occasione è il neo entrato a trovare il gol dell’ex sorprendendo il portiere avversario Colombo, pareggio dunque per gli scaligeri!

I locali colpiscono una clamorosa traversa con Concas che appena entrato fa partite un tiro dal limite che sorprende Silvestri e va a toccare il legno. Al 76esimo Antonio Di Gaudio chiede il cambio per un affaticamento muscolare, al suo posto entra Lubomir Tupta.

A dieci dalla fine l’allenatore Castori manda in campo l’ex gialloblù Karamoko Cissè. Le due compagini dimostrano di essere molto stanche e ne risente il gioco mostrato in campo.

Al termine dei 7 minuti di recupero si chiude l’ennesima anonima e deludente partita dell’Hellas Verona, con l’ennesimo pareggio che allontana sempre più il Verona dalla vetta della classifica.

Formazioni ufficiali:

CARPI: Colombi (59 Piscitelli), Sabbione, Pezzi, Vitale M., Marsura (67 Concas), Poli, Arrighini (80 Cissè), Jelenic, Pachonik, Coulibaly, Di Noia. Allenatore: Castori.

HELLAS VERONA: Silvestri, Empereur, Bianchetti, Dawidowicz (45 Faraoni), Vitale L., Colombatto, Danzi, Zaccagni (55 Matos), Lee, Di Carmine, Di Gaudio (76 Tupta). Allenatore: Grosso.

Arbitro: Riccardo Ros (sez. AIA di Pordenone).

Assistenti: Davide Imperiale (sez. AIA di Genova) e Giuseppe Macaddino (sez. AIA di Pesaro).

CONDIVIDI
Stefano Pozza
Dopo il diploma di maturità classica, mi sono laureato in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Padova. Dal marzo 2012 sono iscritto all'Ordine dei Giornalisti, elenco pubblicisti. Nella vita di tutti i giorni lavoro come Buyer, e coltivo due grandi passioni: la politica e il giornalismo.

LASCIA UN COMMENTO

*