Avellino vs H. Verona 2-0

?Dopo il pareggio casalingo di sabato scorso contro il Benevento, oggi l’Hellas Verona si prepara alla dura sfida in Irpinia contro l’Avellino.

Assenza pesante quella di capitan Pazzini, fuori per squalifica, dopo la contestatissima espulsione subita ingiustamente nell’ultima giornata.
Inizia il match, e la prima vera azione pericolosa è per i locali, che costringono alla paratissima il portiere Nicolas.

Sono poi i gialloblù a rendersi pericolosi almeno in tre nette occasioni con Bessa e Juanito Gomez che falliscono ghiottissima occasioni. 

Al 30° il Verona è costretto a sostituire l’infortunato Romulo (che ha subito un colpo alla testa in uno scontro di gioco con Paghera) con Siligardi. Proprio questo cambio “rovina” la prestazione dei ragazzi di mister Pecchia, con la squadra che sembra non muoversi più al meglio, con qualche schema che probabilmente è saltato.

Nella fase finale del primo tempo i padroni di casa si rendono pericolosi in più azioni, soprattutto grazie ad un calo dei veronesi.

Si chiude sullo 0 a 0 un primo tempo particolare, in cui i gialloblù non si sono dimostrati superiori, e hanno avuto poche idee soprattutto nel reparto offensivo.

Inizia il secondo tempo, e dopo soli 4 minuti l’Avellino passa in vantaggio su calcio di rigore battuto da Paghera. Penalty concesso dal direttore di gara per un fallo in area di Caracciolo, che si è lasciato andare ad una vistosa trattenuta. 
Le cose non migliorano anzi: bella ripartenza di Ardemagni, la palla arriva a Verde che ha tutto il tempo di sistemarsi il pallone e con un potente tiro dal limite punisce i gialloblù. 2 a 0, con il Frosinone che attualmente va ad occupare in solitudine il primo posto in classifica.

Al 62° esce Fossati e entra Franco Zuculini.  I nostri mantengono palla, ma non riescono a rendersi pericolosi.
75° fuori Caracciolo dentro Capelluzzo. 
l’Avellino potrebbe addirittura passare sul 3 a 0, con due giocatori che soli davanti alla porta sprecano un’azione incredibile. 

Si chiude una brutta paryita per il Verona, che non è riuscito a portare a casa il risultato. Aldilà delle scuse che si possono trovare, forse è il momento di fermarsi e di fare il punto della situazione. Mancano grinta, rabbia, voglia e quello spirito di essere la capolista.

Frosinone ora primo in classifica a +2 dal Verona.

Stefano Pozza

1 COMMENTO

  1. Squadra senza grinta e personalità…non credo che con Romulo e Pazzini il risultato sarebbe stato diverso..nelle altre sconfitte c’erano.La verità è che il Verona ha più punti di quello che si merita…non è possibile credere di salire in A..anche se ci riuscisse cosa ci andrebbe a fare?…campionato come l’anno scorso?..no grazie!

LASCIA UN COMMENTO

*