Bigon: “Soddisfatti degli arrivi. Ora c’è da sfoltire”

Riccardo Bigon parla a Sky Sport e li fa a 360 gradi. Il mercato del Verona è stato condotto con sapienza e l’arrivo di Pazzini ha generato molto entusiasmo tra i tifosi. Tuttavia l’obiettivo rimane la salvezza, da conquistare il prima possibile. Ecco le sue dichiarazioni.

“Elander è un calciatore che si conosceva già. Pur essendo un ’93, vanta 95 presenze con il Malmoe. Ha giocato in Champions contro la Juventus e pure in Europa League. Lo abbiamo seguito più volte, anche all’Europeo U21 dove è riuscito a trionfare con la sua nazionale nella finale di Praga. Adesso dobbiamo inserirlo nel nostro gruppo, che è già solido e forte. Per ora siamo soddisfatti di quello che abbiamo fatto: ci eravamo prefissati di dare all’allenatore la squadra completa nel minor tempo possibile e ci siamo riusciti. La salvezza rimane l’obiettivo principale. Dobbiamo consolidarci prima di crescere ancora. Bisognerà mantenere la categoria e poi provare a togliersi qualche soddisfazione. Toni? Luca si commenta da solo, ha grandissime qualità sia come uomo che come giocatore. E’ il nostro leader, trascina la squadra ma trasmette anche leggerezza. Ha la battuta facile e questo è importante in momenti di lavoro e fatica come questi, quando si è lontani da famiglie ed affetti. Insieme con Pazzini? Su questo non sono la persona ideale per dare la risposta. Sarà Mandorlini a decidere moduli, schemi e quali giocatori mandare in campo. All’Hellas serviva avere giocatori forti e preparati in tutti i reparti. Pazzini è un super giocatore, sarà fondamentale per questa squadra. Bocchetti? No, non è un obiettivo. Siamo a posto, non penso che faremo altri acquisti. Adesso dovremo sfoltire la rosa cedendo alcuni elementi”.

LASCIA UN COMMENTO

*