Calci Piazzati – la nota dolente

Damiano Conati

Serie A, Serie B, Inghilterra, Spagna, Germania, Francia. Anche nell’ultimo fine settimana tanto gol sono arrivati da calcio piazzato. 

Ormai nel calcio moderno si vedono più gol da calcio da fermo che su azione. Su punizione vinci uno Scudetto (se non riesci a segnare arriva sempre il Pirlo, prima, o Pjanic ora a salvarti), vinci una Champions (chiedere all’Atletico Madrid se si ricorda di Sergio Ramos), raddrizzi una finale di Coppa del Mondo (vero Materazzi?). 

Il calcio da fermo è meno entusiasmante del bel gioco ma ormai è diventato una variabile indispensabile, anche per l’Hellas di Pecchia, che ne mette a segno pochi e a misura inversamente proporzionale ne subisce troppi. 

– Con il Benevento il Verona ha tirato ventiquattro volte in porta ma ha rischiato di perdere. Non ci sono specialisti e l’unico che avevamo – Viviani – è stato ceduto. Non averlo oggi pesa tantissimo: quando il gol è arrivato da punizione (Bari ed Entella) i tre punti non si sono fatti attendere. 

– ad aree invertite il dato è invece capovolto: spesso su calci piazzati gli avversari fanno male e Nicolas è costretto a raccogliere troppe volte la palla dal sacco. Difesa sotto accusa e responsabilità da dividere con chi li allena. Vero Mister?

1 COMMENTO

  1. Sì può dire quello che si vuole sui vari problemi tattici che la squadra ha vuoi per colpa dei giocatori vuoi per colpa dell’allenatore ma qua bisogna tirare fuori gli attributi. ..avete visto il PSG questa sera? Ecco con la grinta, con la corsa su tutti i palloni e con il furore agonistico si ottengono i risultati. Bisogna gettare il cuore oltre l’ostacolo. Questo messaggio dovrebbe arrivare ai giocatori perché è questo che la gente si aspetta da qui alla fine del campionato

LASCIA UN COMMENTO

*