Cerci: ” Bisogna andare a Cagliari a prender punti”

Queste le dichiarazioni di Alessio Cerci, rilasciate in mixed zone al termine del match: “da una parte sono contento per la mia partita, dall’altra c’è un po’di rammarico per il risultato.

Oggi avevamo di fronte una squadra con cui tra virgolette una sconfitta ci poteva stare. Però fa male perché forse potevamo portare a casa un punto. C’è amarezza, oggi non posso rimproverare nulla alla squadra, che ha lottato. Anche una volta andati in svantaggio siamo stati compatti, e credo siamo in crescita.

Sappiamo che quest’anno ci sarà da soffrire, ma sono tranquillo perché vedo i miei compagni lavorare. Abbiamo una squadra giovane, tanti ragazzi con poche partite in Serie A, e noi più vecchi dobbiamo aiutare i nostri compagni, e crescere insieme.

Ho lasciato il rigore a Pazzini perché è lui il rigorista della squadra. Lui mi ha chiesto se volevo batterlo, e io l’ho lasciato a lui. Nessun problema, non fosse entrato lo avrei tirato io.

Io in campo nei due davanti con il Pazzo? Lo spero!

Mi trovo bene come sono inserito nel modulo, mi adatto alle esigenze della squadra. Avevo bisogno di giocare, visto che ero fermo da un anno e mezzo. Ho avuto qualche piccolo fastidio, adesso sono contento perché mi sto ritrovando.

A Cagliari? Bisogna andare a prendere punti”.

CONDIVIDI
Stefano Pozza
Dopo il diploma di maturità classica, mi sono laureato in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Padova. Dal marzo 2012 sono iscritto all'Ordine dei Giornalisti, elenco pubblicisti. Nella vita di tutti i giorni lavoro come Buyer, e coltivo due grandi passioni: la politica e il giornalismo.

LASCIA UN COMMENTO

*