Chi si libera da Cesena e Bari

È stata messa la parola fine sulla storia professionistica di Cesena e Bari.

La società romagnola è ufficialmente fallita e ripartirà con tutta probabilità dalla Serie D.

Tutti i suoi giocatori si svincolano automaticamente e sono liberi di accasarsi altrove. In realtà, tolti moltissimi giovani dalle belle speranze, non erano molti i giocatori rimasti dopo l’ultima salvezza. Tra svincolati, prestiti e cessioni a Cesena era rimasto poco e i migliori elementi dell’ultimo anno se ne sono già andati da settimane, il neogialloblù Laribi su tutti. Si può pescare un buon difensore centrale scuola Inter come Donkor, oppure la veloce ala destra Vita, classe 1993, c’è la punta del 1997 Dalmonte e l’esterno ex Chievo Kupisz, ci sono i due portieri Fulignati e Agliardi, i tre espertissimi difensori Esposito, Scognamiglio e Perticone, e l’interessante punta Moncini, che però pare promessa sposa alla Spal.

Se da Cesena si può pescare poco per la prima squadra gialloblù, molto di più può arrivare da Bari, visto anche l’influenza di Fabio Grosso sui giocatori pugliesi che ha allenato nell’ultima stagione.

A Bari non è stata fatta la ricapitalizzazione del club ed è saltata l’iscrizione al campionato cadetto. Sean Sogliano si sta recando nel ritiro in Trentino per comunicare alla squadra il sciogliete le righe. L’addio del Bari alla Serie B causerà lo svincolo di tutti i giocatori, primo tra tutti il miglior giocatore biancorosso: lo scozzese Henderson, pupillo di Grosso, centrocampista centrale del 1996 che farebbe davvero al caso del Verona. Insieme a lui si liberano il forte portiere Micai, i neoacquisti difensori centrali Somma e Masi, i terzini sinistri Balkovec e D’Elia e il bravo terzino destro olandese Anderson. E poi ancora i mediani Petriccione, Busellato, Di Noia e Salzano. Infine un reparto d’attacco di grande livello con bomber Galano in primis, il neoacquisto belga Ngombo, il trequartista Iocolano e la punta Raicevic. Senza contare tanti giovani, alcuni dei quali ben conosciuti da Grosso.

Il fallimento barese potrebbe davvero portare molte squadre, anche di A, a concludere affari d’oro a parametro zero. L’Hellas di Grosso parte ovviamente avvantaggiato rispetto alla concorrenza.

Si attendono sviluppi sugli svincoli dei giocatori.

Damiano Conati

LASCIA UN COMMENTO

*