Da un nerazzurro all’altro: i timori e le aspettative di Bessa

In cuor suo (e non solo) sa che deve farsi perdonare l’errore che ha spianato la strada alla vittoria dell’Atalanta. Fisicamente non è al massimo ma contro la sua ex squadra conta di esserci.

Se sarà in campo, alla vista degli undici internazionali, gli passerà davanti tutta la vita nella Milano nerazzurra, ricca di successi giovanili. Ricordi che resteranno però fugaci e chiusi nel cassetto, perché il Verona ha bisogno di lui, del campioncino Daniel Bessa ammirato in cadetteria, che come i più grandi sa accarezzare la “pelota” con la suola.

Pecchia pensa a Daniel davanti alla difesa. Un’idea forse ancora da metabolizzare, o forse no. Con Fossati vicino ad alternare fioretto e sciabola, la coppia è la migliore che al momento l’Hellas ha a disposizione. Avanti senza paura.

LASCIA UN COMMENTO

*