De Maio: “Toni difficile da marcare. Dell’Hellas non mi fido”

Sebastian De Maio, difensore centrale del Genoa CFC, è intervenuto ai microfoni di Radio Bellla & Monella, official radio dell’Hellas Verona. Ecco le sue principali dichiarazioni:

Sebastian, il tuo Genoa sta andando molto bene: venite da una vittoria pesante contro la Lazio a Roma.

Sì, è stato un buon risultato e una bella prestazione, dobbiamo ripartire da lì per affrontare il Verona.

Che domenica arriverà a Genova convalescente dopo la sconfitta contro il Toro. Tu conosci bene sia l’Hellas che Mandorlini, dai tempi di Brescia in serie B: ti fidi di questo momento dei Gialloblù?

Il Verona è una squadra che conosco bene, come dicevi ci ho giocato contro tante volte in Serie B quando giocavo nel Brescia. A dire la verità io non mi fido di una squadra in difficoltà, perché è sempre da lì che vengono fuori le grandi prestazioni. Per questa ragione noi dobbiamo essere molto attenti. Il Verona ha giocatori validi, serve massima concentrazione.

La settimana prossima vi aspetta il derby contro la Sampdoria: dovete riscattare la sconfitta dell’andata. Non è che avete la testa già lì?

Assolutamente no, sappiamo che quella di domenica è una partita importante. Per arrivare bene al derby dobbiamo fare una grande partita contro il Verona, e riuscire a vincere per essere al meglio. Al derby ci penseremo domenica, dopo la partita contro l’Hellas.

Te la vedrai ancora con un ex Genoa, Luca Toni, uno “sportellatore” come te. Com’è marcarlo?

È molto difficile, è un giocatore che la mette sul piano fisico e ti può dare problemi, visto che è alto e molto forte. Bisogna riuscire ad anticiparlo per evitare i falli, anche perché è bravo a tenere palla.

E tu sai come fare. Sei diventato un simbolo del Genoa perché non molli mai.

Al Genoa mi trovo benissimo, l’ho sempre detto. Ho trovato il mio ambiente, gli altri compagni mi hanno sempre aiutato. Sento la fiducia di tutti, e accade ciò riesci sempre a dare qualcosa in più.

Chi temi di più del Verona, e con chi hai più voglia di confrontarti?

Non c’è un giocatore in particolare, ce ne sono tanti di forti a Verona. Sono in serie A, vuol dire che sono tutti giocatori validi che possono fare la differenza per la loro squadra. Tutti gli attaccanti sono forti, io temo tutti.

Capitolo Gasperini: al Genoa non ha rivali.

Con il mister mi trovo benissimo, da quando sono arrivato l’anno scorso ho sempre sentito la sua fiducia, anche quando non giocavo. Qui è il suo ambiente, lui sa come caricarci, e noi siamo contenti di seguirlo, perché il lavoro dà i suoi frutti.

LASCIA UN COMMENTO

*