Le dimissioni di Sartori blindano Sogliano?

E’ una domanda più che plausibile, sorta immediatamente dopo la notizia delle dimissioni irrevocabili dell’ex direttore del Chievo: e se Sartori, diesse di comprovata esperienza e bravura, entrasse nelle mire del Milan, liberando di fatto Sogliano dalla morsa mentale dei rossoneri? Già da qualche tempo è risaputo che in casa del Diavolo si stia prospettando una ristrutturazione societaria al fine di ripartire con nuovi progetti che non siano unicamente basati sulla centralità del denaro in quanto propedeutico per l’arrivo di grandi calciatori. E in questo senso i vertici del Milan si erano mossi in tempi non sospetti per strappare all’Hellas il fidatissimo uomo del Presidente Sogliano, dimostratosi con i fatti lungimirante nella scelta dei “saranno famosi” del mondo del pallone. Ora, però, le cose potrebbero cambiare: Giovanni Sartori, con un passato da milanista importante, potrebbe far gola ai vertici di via Turati tanto quanto il direttore del Verona, con la differenza che l’ex del Chievo non è più sotto contratto. Il suo approdo al club rossonero toglierebbe sicuramente ogni plausibile dubbio (qualora ne avesse) al buon Sean che rimarrebbe così incollato all’incarico dirigenziale gialloblù senza dover ulteriormente ascoltare le lusinghiere sirene meneghine.

LASCIA UN COMMENTO

*