H. Verona vs Lazio: Le Pagelle

di Enrico Brigi

RAFAEL 5,5 In occasione della seconda rete biancoceleste non è certo colpa sua se sulla punizione di Parolo la barriera si apre come le acque del Nilo al passaggio di Mosè. L’impressione, però, è che non riesca più a trasmettere la tranquillità di un tempo.

 

PISANO 6 In continua crescita dal punto di vista fisico, garantisce corsa e dinamicità per l’intero arco dell’incontro. Lo sforzo profuso, tuttavia, lo penalizza quando servirebbe, invece, maggior lucidità.

 

MORAS 7 In assenza di Marquez dimostra di meritare ampiamente i galloni del leader. Respinge ogni assalto biancoceleste dimostrandosi un muro quasi invalicabile. Unica pecca l’uscita suicida dalla barriera, in occasione della punizione finale.

 

HELANDER 7,5 Monumentale. Conferma quanto di buono già fatto vedere a San Siro dimostrandosi un frangiflutti praticamente insuperabile. La rimonta laziale rende vana la sua prima rete con la maglia gialloblù. Da qui in avanti merita sicuramente maggior considerazione.

 

SOUPRAYEN 5,5 Forse anche per precise indicazioni tattiche, supporta raramente l’azione offensiva.

 

VIVIANI 5 Il talento e la qualità dell’ex giocatore del Latina non si discutono, ma la serie A è un altro mondo e le pause non sono permesse. Avrebbe bisogno di rifiatare ma la situazione di emergenza richiede il contrario.

 

GRECO 6,5 fino quando è rimasto in campo si dimostra uno dei più in palla, sempre pronto a ricucire e far ripartire l’azione. La posizione di interno destro, per lui che è mancino,non è sicuramente il massimo della vita.

 

HALLFREDSSON 5 al rientro dopo quasi un mese di assenza, disputa ottanta minuti da spettatore non pagante. Le colpe, però, non sono solo sue.

 

SALA 5 Arruffone, impreciso e soprattutto maledettamente ingenuo in occasione del fallo da rigore su Keita. Sembra la brutta copia del giocatore ammirato lo scorso anno. La sua involuzione è a dir poco preoccupante.

 

GOMEZ 5,5 Solito encomiabile impegno ma traversa a parte di lui non si hanno altre notizie. I palloni giocati come se davanti ci fosse Luca Toni non lo agevolano di certo. Uscito per un problema all’adduttore si aggiunge alla già lunghissima lista degli infortunati.

 

JANKOVIC 5,5 il cartellino preso dopo pochi minuti testimonia la sua voglia matta di spaccare il mondo. Esegue alla perfezione alcune diagonali difensive ma in fase di attacco scompare dai radar.

 

BIANCHETTI 5 impatto assolutamente negativo sulla partita. Assiste male Sala in occasione della percussione vincente di Keita mentre da un suo maldestro colpo di testa nasce il fallo che origina la punizione finale di Parolo. Serve altro?

 

WSZOLEK 6 impegno ammirevole ma da uno che nella vita ha sempre fatto il terzino o il centrocampista è impossibile attendersi di più. Ha il merito di costringere all’espulsione il maldestro Mauricio.

 

MATUZALEM sv gioca una manciata di minuti al posto di Hallfredsson.

 

MANDORLINI 5 Con quasi mezza squadra ferma ai box non gli rimane molto da fare. Resta, però, ancorato alle sue convinzioni tattiche quando la situazione suggerirebbe, forse, di provare qualche alternativa. Manca come sempre la controprova, ma alcune scelte iniziali e la lettura dell’incontro destano qualche perplessità.

LASCIA UN COMMENTO

*